mercoledì 3 settembre 2008

Sei morto?

Mo' pare che la morte cerebrale non basti più. Se uno dice "ha l'encefalogramma piatto" è chiaro a tutti che il tipo è morto. Lo dicono anche i medici di E.R., mica pizza&fichi.
Invece no.
L'Osservatore Romano dice di no, che non basta.
L'articolo di tale Lucetta Scaraffia ricorda che "anche la Chiesa cattolica, consentendo il trapianto degli organi, accetta implicitamente questa definizione di morte, ma con molte riserve:  per esempio, nello Stato della Città del Vaticano non è utilizzata la certificazione di morte cerebrale".
Quindi? Come fai a sapere se il tipo è morto? Deve scendere giù nostrosignore ad avvertire che è lì con lui?
Dicono che si devono "valutare le nuove ricerche scientifiche".
Ovviamente solo per gli stramaledetti cazzi loro.
Se le nuove ricerche scientifiche parlano di aborto, fecondazione, cellule staminali e cazzi vari allora Gesù piange.
Meglio soffrire e morire senza dignità, così in paradiso si starà un po' più alla destra del padre.

8 commenti:

  1. Perché lasciare tutto nelle mani del medico? Meglio che ci pensi il prete, che di medicina nulla sa, ma è come se ne sapesse più del medico, forse del principio per cui il dolore costituisce un biglietto d'ingresso privilegiato per il Paradiso...
    Tra poco Ferrara sosterrà la nuova crociata, proclamando "anch'io sono in stato vegetativo permanente" e non avremo problemi a credergli!!!

    RispondiElimina
  2. non è detto che se hai l'encefalogramma piatto tu sia morto. potresti essere Gasparri

    RispondiElimina
  3. Tieni conto che questa gente, per verificare che papa è morto utilizza lo specchietto.

    RispondiElimina
  4. Questa cos'è, una nuova nozione - orribile, squallida - di "immortalità"?

    Mi ricorda la storia - tremenda - del bambino anencefalico fatto nascere comunque dai genitori (con tanto di grancassa mediatica perché sennò non vale) apposta per lasciarlo morire e donare i suoi organi (il neonato che ricevette il suo cuore morì poco dopo ma la notizia passò in sordina). Decisione magnificata in ambienti moralisti, sul tema "inno alla vita".... Un bambino trasformato in fabbrica di organi, in "cosa" nel senso peggiore del termine...

    RispondiElimina
  5. Il cuore deve smettere di battere e lo specchietto sotto il naso non deve più appannarsi...
    Ovvio no?
    Allora sei morto!

    RispondiElimina
  6. KlausDieter: Ferrara è lo stesso ciccione che sulla homepage del suo gionale scrive "acqua per Eluana Englaro" strafottendosene del dolore di una famiglia?

    Demopazzia: se c'è il rischio mi stacco la spina da sola.

    Gattaccio&Azzurra: ma lo specchio deve essere quello che ingrandisce o ne va bene uno qualsiasi?

    RispondiElimina
  7. Mi domando come si sentano tutti i medici dei reparti di Terapia Intensiva: dieci o anche quindici anni di studio matto e disperatissimo, tirocini, cliniche e praticantati..... perché dovessero sottostare a consigli, ordini, comandi, pareri pro veritate e diktat morali di un gruppo di uomini anziani vestiti con buffe tonache e - per essere cinici - tutti infervorati sulle questioni inerenti alla sessualità ed alla riproduzione malgrado abbiano pure fatto voto di castità..............................

    RispondiElimina
  8. E' che dovranno pur passare il tempo.
    Sai che palle in Vaticano?
    Te la immagini una serata con papa Mazinga?

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.