venerdì 19 settembre 2008

Sono Arguzia, come posso aiutarla?

Per mia fortuna non ho mai lavorato in un call center e dopo aver visto "Tutta la vita davanti" ho pensato che davvero è stata una fortuna.
Ora, il film è film e quindi tutto è amplificato (?), ma la persona con cui l'ho visto era andata a fare una colloquio e mi ha confermato tutto, dai sorrisi obbligatori al momento "fomentiamoci".

Comunque...
il vituperato governo Prodi (che, sia chiaro, non voglio difendere), aveva provato a dare una parvenza di decoro a quel mondo.
Troppo poco, indubbiamente, ma era un buon inizio. Per esempio dopo 36 mesi di "contratti" c'era l'obbligo di assunzione e il reintegro in caso di licenziamento ingiusto.
Il governo Berlusconi ha cancellato queste norme, di fatto rendendo l'operatore di call center un precario a vita, che può essere cacciato via impunemente. Ottime prospettive per chi ha famiglia, deve pagare casa o semplicemente mangiare ogni giorno.
Già qualche giorno fa le centraliniste di un ospedale di Legnano avevano denunciato le loro condizioni con un video su Youtube.

Oggi i centralinisti scioperano e manifestano. Sarà la prima manifestazione nazionale del settore.
Lo sciopero è «a difesa della buona occupazione, contro il dumping delle imprese più scorrette, per maggiori controlli ispettivi, per una maggiore responsabilità dei committenti e per la stabilizzazione dei lavoratori precari ancora presenti nel settore».


E che San Precario li protegga...

San Precario














































Nessun commento:

Posta un commento

Sproloquia pure tu.