lunedì 27 ottobre 2008

Differenze

In un paese civile davanti all'aumento delle gravidanze tra le ragazzine si corre ai ripari, senza le stronzate su astinenza e attesa. Parliamoci chiaro e senza ipocrisie: si fa sesso ben prima del matrimonio e il possibile marito/moglie raramente è il primo e l'unico ormai.
Massimo rispetto per chi resiste e conserva gelosamente la propria verginità, comunque.
Io faccio sesso pur non essendo sposata, ma ho avuto la fortuna di avere dei genitori normali, che mi hanno spiegato come si fanno i bambini e come non si prendono le malattie e degli insegnanti che non ci hanno mai parlato di api, fiori, cavoli e cicogne.

Comunque, in Inghilterra pare che le madri bambine siano parecchie e quindi corrono ai ripari. predicare l'astinenza, dicevo, non è una gran mossa e il vecchio slogan "prevenire è meglio che curare" non vale solo per l'igiene orale.
Quindi l'educazione sessuale sarà obbligatoria in tutte le scuole, dai 5 anni in poi, comprese quelle confessionali.
Per prima cosa si insegneranno ai bambini le varie parti del corpo, poi la riproduzione animale. A 7 anni si comincerà a parlare di pubertà, dagli 11 di tutto il resto, anche delle malattie sessualmente trasmissibili.

Ecco, questo tipo di scelta educativa fa la differenza tra un paese civile e uno arretrato. E per chi si ricorda del libretto di Lupo Albero mi pare chiaro quale sia il paese arretrato di cui sto parlando.

Sogno la Gelmini che prende esempio, che va dal papa e gli dice di non rompere tanto i coglioni e di adeguarsi, perché fanno del gran sesso anche i papa-boys con le papa-girls.

7 commenti:

  1. Sai che ti amo alla follia per questi post!
    Sei un mito!
    Kisses
    Azzurra

    Ps immagino anche io che Fede mi avrebbe assunta per le immagini estemporanee di un cadavere, ma passo!

    RispondiElimina
  2. "il libretto di Lupo Albero" che ricordi... era alquanto assurdo, mi ricordo che quando lo distribuirono e lo leggemmo ci mettemmo a ridere come pazzi! non sò a quale età sia giusto insegnare la procreazione, io non ricordo il momento in cui mia mamma me la insegnò è insito nella mia memoria come se lo sapessi dalla nascita...
    ciao giogio

    RispondiElimina
  3. Azzurra, sapevo che avresti apprezzato.

    giogio, ne ho ben 2!
    Uno è quello "da lettura", l'altro è perfetto, ancora odora di nuovo.

    RispondiElimina
  4. Ma come, non lo sai? Certo che si farà educazione nelle scuole... Hanno già stanziato non so quanti euro per comprare i cavoli... (questa l'ho rubata da Guccini...)

    RispondiElimina
  5. Il ministero delle cicogne è in crisi...

    RispondiElimina
  6. utente anonimo29 ottobre 2008 19:11

    24 ore settimanali, sono 4 ore al giorno, il tempo pieno come lo calcola, come straordinario?Anche io ho messo il testo della legge, ma non lo ha letto nessuno.
    Ieri ad una trasmissione, mi pare fosse Ballarò, c'era uno che ha letto di ricerche finanziate a fior di euro , uno di questi era" studio del comportamenti degli asini " di non mi ricordo quale zoana, fermo restando che amo gli animali, ma 30.000 euro per studiarli , e poi per farne che di questa ricerca, mi pare troppo.Se è per questo che ci sono sprechi allora chiudi quegli atenei, quelle scuole che sprecano, anzi licenzia gli spreconi, più che chiudere la scuola, ma licenziare tutta stà gente,mi par una stronzata, e poi se gli servono i soldi, che faccia tornare le truppe dalle famose MISSIONI DI PACE, cos' non si spenderanno miliardi per ammazzare gente.se ti và di venirmi a trovare ho un pò di notizie, nei miei blog ciao
    Silvia

    RispondiElimina
  7. Oddio il libretto di Lupo Alberto forse scritto dai Teletubbies ed approvato dal MOIGE!!!

    Quello tipo "che pasticcio! Una pomiciata" e "le coccole come surrogato del sesso" e che ignorava bellamente il condom preferendo predicare sui rischi delle storie d'amore adolescenziali...

    Un testo comico imprescindibile per tutti i buontemponi. Dopo averlo letto, però, occorre farsi spiegare da qualcuno come si fa quella cosa tanto tanto brutta che è il sesso senza troppi macelli...

    Ma forse la ministra dei grembiulini, preferisce addirittura evitare che nelle candide (?) scuole italiane entri quella cosaccia orrenda che è il sesso....

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.