lunedì 13 ottobre 2008

Nessuno pensa ai bambini?!

Povere creature innocenti e inconsapevoli, con quei genitori comunisti e antiogovernativi che li costringono (con le botte e le minacce, ne sono certa) ad andare alle manifestazioni.
Non lo sanno questi genitori degenerati e cattivi che i bambini possono andare solo al Family Day, da Vespa ad applaudire la Gelmini o dalla De Filippi a cercare il dialogo con mammà?
Che diamine!

Meno male che c'è ancora gente seria e attenta nel nostro triste paese: Paolo Granzotto sul Giornale fa una domanda scomoda per la quale tutti ci aspettiamo una risposta rapida e convincente: "Ma il Telefono Azzurro, cosa ci sta a fare?"

"E il Telefono Azzurro, zitto. E nessuna «coscienza critica della nazione », nessun esponente della società civile, nessuna Alta Autorità Morale, nessuna Unicef, nessuna delle migliaia di Ong o Onlus che affermano d'aver in cima ai propri pensieri l'infanzia e i suoi diritti, apre bocca per denunciare la scandalosa, la ributtante strumentalizzazione di bambini ai quali non solo hanno scippato il girotondo, ma sono trascinati in piazza, a marciare e contestare concetti - la scuola classista! - dei quali giustamente ignorano il significato. Che razza di genitori hanno quelle disgraziate creature?"

Si! Bravo! Via la patria potestà!

"Ma che cos'è questa insana fregola di mobilitare i fanciulli, incolonnarli e farli sfilare una volta per dire no alla mafia, l'altra per dire no alla guerra, l'altra ancora per dire no agli Ogm o alla «scuola classista»?"

Infatti! Nessun genitore dovrebbe mai far sfilare il figlio contro la guerra, perché la guerra "è bella anche se fa male" o contro gli Ogm, che poi secondo me fanno crescere sani&forti.

4 commenti:

  1. Io non ho figli, ma se li avessi li porterei pure al GayPride!

    Tanto la mia prole ipotetica ha già sul groppone lo zietto C e la sua fidanzata zietto A.

    Kisses
    Azzurra

    RispondiElimina
  2. da atea rispondo alla provocazione (perchè solo quello è) di Paolo Granzotto, e quei poveri bimbi che vengono portati ogni santa domenica in un luogo freddo e austero dove bisogna solo stare seduti e in silenzio per più di un'ora non sarebbero più felici di scorrazzare per le strade insieme a tanta gente!!!
    ciao giogio

    RispondiElimina
  3. Ma mi leggi nel pensiero? Hai scritto di nuovo il post che avrei voluto scrivere io!
    Ti adoro!

    RispondiElimina
  4. Mi hai "adottata" anche per questo, no?

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.