lunedì 27 ottobre 2008

Petizione

Tra le varie schifezze della "riforma" Gelmini c'è il taglio al sostegno.
QUI una petizione, creata dalla mamma di una bambina down che si è vista dimezzare le ore di sostegno.

5 commenti:

  1. ...firmato...

    nella classe (primo anno di scuola dell'infanzia) c'è una bimba ipovedente, l'insegnante di sostegno gli è stata assegnata per 8 alle settimana su 35 ore di frequenza, la prima è stata sostituita dopo 2 settimane, la seconda si è vista due giorni e poi si è messa in malattia, è da 4 settimane che manca e non hanno mandato la sostituzione...
    ciao giogio

    RispondiElimina
  2. Magari faranno classi differenti anche per loro... in fondo è una "discriminazione positiva transitoria".
    Se non sbaglio una cosa tipo "discriminare non perseguitare" la disse Mussolini riguardo agli Ebrei nelle scuole...

    RispondiElimina
  3. anche una mia amica con la bambina gravemente handicappata ha lo stesso problema

    una cosa mi fa incazzare però: non so nel caso specifico della signora, ma in rete per ora girano miliardi di petizioni contro il governo

    mi chiedo, quante delle persone che le hanno create queste petizioni, o firmate, hanno votato per questo governo?

    l'italia è affetta da miopia, è inutile
    come la mia amica: prima vota berlusconi poi si lamenta
    non fosse per la disgrazia di sua figlia mi verrebbe da menarla, giuro

    RispondiElimina
  4. Ieri sera l'idiotino a Porta a Porta difendevaq strenuamente la riforma. La Lanzillotta ha detto apertamente che si tratta di una riforma a tevolino decisa nei 9,30 minuti della riunione per decidere la finanziaria. La ciellina invece continua a rimanere arroccata sulle sue posizioni, grande esempio di dialogo.

    RispondiElimina
  5. utente anonimo28 ottobre 2008 12:49

    sono silvia,
    in uno dei miei blog ho messo la legge per intero, sai con tutti quelli che manifestano senza sapere perchè , ci vuole un pò di informazione,stò scemo che pensa che siamo così stupidi?

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.