martedì 4 novembre 2008

Le parole sono importanti.

«Il mio era un criterio di prudenza, che sottolineava il rischio che si poteva presentare in alcuni possibili preti omosessuali, anche per la tipologia di compiti di formazione accanto ai giovani: non a caso la vicenda americana conferma in alcuni casi questa ipotesi. Il vero dramma è la pedofilia, che presuppone manipolazione, quando non aperta violenza. Ma non ho mai pensato, neppure remotamente, a qualsiasi possibile forma di sovrapposizione con gli omosessuali, se non in via di rischio ipotetico». Paola Binetti, Il Corriere, 04/11/2008

«Non dimentichiamo che proprio recentemente si è verificata la situazione drammatica dei preti pedofili»
«Stiamo attenti. Il documento della Congregazione per l' Educazione cattolica parla di "tendenze omosessuali fortemente radicate"»
«Quindi queste tendenze omosessuali fortemente radicate presuppongono la presenza di un istinto che può risultare incontrollabile. Ecco: da qui scaturisce il rischio pedofilia. Siamo davanti ad un' emergenza educativa». «Il compito dei pastori della Chiesa si esplica al massimo proprio con i giovani, giovanissimi. Non mi stupisce che il Santo Padre abbia voglia di avere sacerdoti sani, sportivi, vissuti come modelli potenziali. Per questo ha ribadito anche l' importanza della castità. Perché...»
«La pedofilia, in fondo, c' è anche nei confronti delle ragazzine. Anche se molto meno frequente» Paola Binetti, il Corriere, 31/10/2008

Fuori a calci in culo. Grazie.

Strepitosa la "rettifica" sul suo sito http://www.paolabinetti.it/news/precisazione011108.htm
Ovviamente c'è il pippone sulle amicizie omosessuali. Chiunque parla male dell'omosessualitò immediatamente ricorda che ha mooooolti amici gay, che sono taaaaanto sensibili, la loro umanità è bellissima, sanno ascoltare meglio degli altri e sono anche grandi lavoratori.
Certo non come quelli che si mascherano e vanno al Pride...





5 commenti:

  1. E tutti quei preti assolutamente eterosessuali che si trombano le parrocchiane?

    Scivolone di vocazione?

    kisses
    Azzurra

    RispondiElimina
  2. utente anonimo4 novembre 2008 23:13

    vogliono eliminare i ciliaci perchè sono allergici al glutine e non possono prendere l'ostia, partendo dal presupposto che l'ostia se la sono inventata la possono fare anche di riso, vabbe', poi non vogliono i pedofili, e quì sono daccordo, non vogliono gli omosessuali, ma con la crisi che c'è stanno anche a fare gli schifettosi.
    Silvia

    RispondiElimina
  3. mammamia che vecchi armamentari ci teniamo!! (ma Walter lo sa?.. ;-)
    un po' d'aria fresca.. plis
    ciao Arguzia!

    RispondiElimina
  4. Walter lo sa. Solo che "noi siamo fatti così", non prendiamo a calci in culo gli stronzi. "Siamo fatti così", ce li teniamo.

    RispondiElimina
  5. L'istinto incontrollabile della vecchia vergine inacidita a dire caSSate sessuali (come mai ne sa tanto lei che il contatto carnale più intimo l'ha col cilicio) poi è qualcosa di pazzesco...
    Sarebbe interessante sapere quanti gay conosca la Binetti - anzi no, quanti esseri di sesso maschile la gentildonna conosca, vista anche la separazione bestiale tra i sessi praticata all'Opus Dei...

    Nel frattempo per prudenza bruciamo l'opera omnia di Platone, André Gide, Oscar Wilde, Henry James, Truman Capote, Leonardo da Vinci...?

    PS: non noti anche tu una certa qual comunanza di vedute tra la vecchia (mai stata moglie senza mai figli senza più voglie) B. ed il nostro ardentemente amato MOIGE in tema di sessualità non convenzionale - basti pensare alle parole di fuoco di mon amour contro qualsiasi cosa differisca dai 5 min. in posizione missionario previo canonico matrimonio e a scopo procreativo???

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.