lunedì 1 dicembre 2008

Discriminiamoci

La Francia propone all'Onu la "depenalizzazione dell'omosessualità", visto che in moltissimi paesi se sei frocio sei morto e il Vaticano ovviamente dice no.
Depenalizzare l'omosessualità porterebbe "alla gogna" quegli stati che non riconoscono le unioni gay.
Insomma, se l'Onu decidesse di dire fermamente che è illegale discriminare i gay, allora i paesi che lo fanno sarebbero discriminati a loro volta e succederebbe un casino pazzesco, sarebbe un discrimina-discrimina generale, ci sarebbe il caos più completo.
L'Arcivescovo Migliore lo spiega chiaramente: "Con una dichiarazione di valore politico, sottoscritta da un gruppo di paesi, si chiede agli Stati ed ai meccanismi internazionali di attuazione e controllo dei diritti umani di aggiungere nuove categorie protette dalla discriminazione, senza tener conto che, se adottate, esse creeranno nuove e implacabili discriminazioni".

A volte penso che sarebbe bello avere torto: sarebbe bello se davvero il loro dio esistesse. Mi farei grasse risate vedendoli bruciare all'inferno.

2 commenti:

  1. Spero che l?onu ci obblighi a non discriminare i Gay!
    Kisses
    Azzurra

    RispondiElimina
  2. Mi fa quasi tenerezza una così ostentata malafede ecclesiastica: la pena di morte confusa col matrimonio, addirittura! Oddio, in certe katto-famiglie, effettivamente, il matrimonio si trasforma appunto in pena di morte, ma è un altro discorso...

    Dici che il Vat. passerebbe a più miti consigli se sapesse che una certa percentuale degli embrioni che spasmodicamente difende diventerà gayo e contento?

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.