sabato 31 gennaio 2009

Al volo che sto in vacanza

Leggo che Guzzanti Paolo avrebbe detto (cito da Repubblica):

"Berlusconi e' innamorato di quel brigante internazionale che e' Putin. E questo, a mio avviso, la dice lunga sulla sua idea di democrazia. La sua e' una democrazia autoritaria ammantata di benevoleza. Se avesse vinto Veltroni, sarebbe stato meno pericoloso per la democrazia parlamentare".

Ora, già qualche tempo fa "risposi" a una simile uscita. Il senso era -più o meno- grazie al cazzo.
E soprattutto, bene arrivato, perché noi l'avevamo capito più o meno nel 94 che Berlusconi e la democrazia sono idee abbastanza diverse.

4 commenti:

  1. Sbaglio o il nano definì Putin, tra le altre cose, un campione della democrazia? Ed in un'altra occasione non dichiarò che voleva farsi insegnare da lui "come prendere il 71%"???

    RispondiElimina
  2. grazie al cazzo!
    è proprio il caso di dirlo!

    RispondiElimina
  3. Si vede che noi siamo illuminati. Guzzanti ha dovuto essere silurato per rendersi conto di chi è il nano.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.