mercoledì 28 gennaio 2009

Ne dubitavate?

Per tutto il casino dell'estradizione di Battisti, Mantica, sottosegretario agli Esteri, aveva detto che si sarebbe dovuta bloccare l'amichevole Italia-Brasile. Appena ho sentito la notizia ho sorriso: in Italia poche cose non si toccano. E il calcio è la prima.
Quindi il Governo risponde per bocca di Cimi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo sporti: "L'amichevole tra Italia e Brasile si giocherà regolarmente. La disputa dell'incontro di calcio non è mai stata messa in discussione dal governo, nè potrebbe esserlo".
Anche perché il Brasile, si sa, ci offre campioni niente male. Ad esempio Kakà, che costa più o meno quanto il pacchetto per la crisi...

Ora, io non credo assolutamente che bloccare una partita di calcio possa essere di qualche aiuto nella risoluzione dei problemi politici mondiali (altrimenti mi dedicherei all'organizzazione di tornei e campionati per il resto dei miei giorni) ma sarà che Famiglia Cristiana ha appena detto che Berlusconi pensa solo a Kakà, m'è venuto da ridere lo stesso.

3 commenti:

  1. Com'è che citi sempre Famiglia Cristiana?
    Non avrai mica l'abbonamento?
    Kisses
    Azzurra

    RispondiElimina
  2. Tranquilla, non ce l'ho. E' che ormai è l'unico giornale che se la piglia con questo governo di mentecatti e Repubblica le dedica sempre un articolo. Mi ci vedi a leggere famiglia cristiana, amica? Eppure mi conosci!

    RispondiElimina
  3. bloccate la partita e' un rispetto alla sovranita' del nostro paese

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.