giovedì 29 gennaio 2009

Sondaggi

Dopo gli stupri delle ultime settimane pare che qualcuno abbia scoperto per la prima volta che le donne non solo possono essere violentate, ma che tra le loro paure c'è quella della violenza sessuale. Non credo che per capirlo serva una laurea in astrofisica, ma tant'è.
Giorni fa ho parlato della presunta "emergenza stupri".

Ecco, ora dico una cosa che può suonare davvero brutta.
E' come per i cani feroci, per i bulli a scuola, per le ragazzine che ballano sul cubo: non ce ne frega mai niente, ma poi improvvisamente le notizie fioccano e i giornali ne sono pieni in modo quasi ossessivo.
Voglio dire, non è una novità che le donne vengano violentate da sconosciuti in strada, nei locali, in macchina, sul posto di lavoro. E non è una novità che le donne vengano violentate dai padri, i fratelli, i compagni, i mariti, i datori di lavoro.
E allora?
La risposta sono i sondaggi. Ne ha fatto uno Repubblica di una banalità che mi spaventa.

"Lei ha paura di essere vittima di un'aggressione sessuale?"
"No, guardi, io sono un mezzo cesso, quindi non sono appetibile".
Ma che cazzo di domanda è?!

Invece di fare queste sensazionali scoperte, invece di chiamare le donne per chiedere se credono che sia più facile essere violentate in un parcheggio, in un parco pubblico o in un vicolo buio, potrebbero parlare degli stupri in famiglia, o delle pene per gli stupratori, che troppo spesso se ne tornano a casa felici e beati troppo presto, pronti a ricominciare.

7 commenti:

  1. Ecco, appunto: scoprono adesso che esistono gli stupri - il 70% dei quali avviene in casa ad opera di padri, mariti, fratelli - e che non di giochetto trattasi (come i genitori delle bestie solitamente affermano) ma di orrore puro?

    C'è voluto tanto per capirlo? Oppure, finita l'emergenza, tutto come prima però attente fanciulle -e fanciulli, perché anche gli uomini possono essere violentati - perché per bellezza e solo per bellezza potrai denunciare lo stupro, che non più distruzione della persona è, ma per vaticinio nanesco una sorta di "rude" omaggio all'avvenenza....

    Tuoni fulmini e saette!

    Ps. ed il MOIGE che fa? Prova una volta tanto a parlare di qualcosa di più serio del turbamento che provoca vedere esposti preservativi e lubrificanti nelle farmacie o coppie non sposate che convivono? Macché! Si turba sul "lolitismo" dilagante, quasi a dire che la 12enne che - foraggiata dalla tv - si mette il rossetto merita tutto quel che di orribile può succedere...

    Arituoni, arifulmini e arisaette!

    RispondiElimina
  2. mah
    ti danno omicidio volontario se investi uno e hai bevuto duebicchieri di vino e non ti danno nemmeno tentato omicidio per un'aggressione violenta a una donna.

    Boh.

    RispondiElimina
  3. Tesoro, intento ne ho parlato io...
    se ti va segnala il mio post!
    Baci
    Viola

    RispondiElimina
  4. Bhè ora la stupro è la notizia mediatica del momento ... e come al solito mai una discussione intelligente su come risolvere il problema !

    RispondiElimina
  5. Viola, hai visto la legge sullo stalking?
    Finalmente diventiamo un paese un po' più civile.

    RispondiElimina
  6. Sbaglio o di stalking si cominciò a parlare solo dopo che Michelle Hunziker confessò ad un settimanale per casalinghe disperate d'essere stata importunata da fan molesti? Per la serie: se capita alla figlia del pescivendolo, chissene...

    RispondiElimina
  7. Mi sa che non sbagli, Klaus. Cosa che se da un lato conferma il tuo essere una splendida persona, dall'altra è l'ennesima conferma della merda che ci circonda.

    Arguzia

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.