giovedì 29 gennaio 2009

Un amico non ti lascia mai solo

Nemmeno se hai stuprato (e l'hai pure confessato) una ragazza durante la festa di Capodanno.
I veri amici non vengono a prenderti a schiaffi e sputarti in faccia urlandoti la merda che sei.
No.
I veri amici se ne strafottono della ragazza, loro fanno gli striscioni.
"Chi parla male di te non ti conosce".
E poi, siamo onesti, "chi è che non si fa un goccetto a Capodanno?".
(Come possa giustificare lo stupro l'essersi fatto un goccetto non è dato sapere.)
Ma gli amici hanno anche una parola di conforto per la ragazza violentata, non sono dei mostri: "Rispettiamo la ragazza ma abbiamo subito dato la nostra solidarietà a Davide e alla sua famiglia. Davide avrà sicuramente fatto qualcosa di sbagliato, non lo giustifichiamo ma su questa vicenda va fatta piena luce, pensiamo che qualcosa non quadri".
"Qualcosa di sbagliato", "qualcosa non quadra".
Ecco, un limite degli amici è che a volte l'amicizia li acceca del tutto.
Quel "qualcosa di sbagliato" si chiama violenza sessuale e non c'è mai nulla che la possa giustificare, mai.

E', l'amico è, una persona schietta come te
Che non fa prediche e non ti giudica
Fra lui e te divisa in due la stessa anima
Però lui sa, l'amico sa
Il gusto amaro della verità
Ma sa nasconderla e per difenderti
Un vero amico anche bugiardo è


Il buon Baldan Bembo s'è dimenticato che ci sono anche degli amici di merda.

5 commenti:

  1. sì ,
    questa storia è bizzarra.
    E' ovvio che ai suoi amici non avrà detto "sì le ne ho date tante che nemmeno le immaginate"...
    però anche loro sono idioti!

    comunque
    questo è il link che volevi ieri , l'articolo della tamaro.
    divertiti!

    http://rassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=search&currentArticle=KLS8O

    RispondiElimina
  2. Qualcosa non quadra?
    Verra fuori che lei è una baldracca e che se l'è cercata... come al solito!

    se io sapessi che un mio amico è accusato di violenza, e ha pure confessato, andrei a prenderlo a calci nel sedere!
    Altro che solidarietà, sarei una specie di grillo parlate dark che gli dice in continuazione che ha fatto una cosa orribile!

    Kisses
    Azzurra

    RispondiElimina
  3. Lo stronzo era anche stato intervistato da "StudioAperto" e aveva incitato i giovani a non fare stronzate. E già ma poi lui era sotto gli effetti della droga e ha confessato dopo 20 giorni. Sarà per quello che ha avuto i domiciliari.

    RispondiElimina
  4. Ecco l'amicizia che piace a Studio Aperto... Tra qualche giorno saranno anche intervistati gli amiconi del'essere e magari la sua fidanzatina, tutti a giurare che "era tanto un bravo ragazzo" e che con 10 giorni di referto la ragazza s'è certamente inventata tutto...
    Proprio come le amiche d'infanzia della dolcissima mammina di Cogne (che non abortiva ma stendeva il figlio a mazzate): nessuno la può giudicare, a parte noi che ci abbiamo condiviso il pane e nutella dell'infanzia...

    Naturalmente simili "amici" (altro che Monicelli e gli zingari) hanno un'idea ben precisa della giustizia che di vorrebbe in questi casi..............

    RispondiElimina
  5. Grazie infinite, prefe!
    Ora me ne sto in vacanza, ma appena torno a roma Lunedì lo leggerò con l'attenzione che di certo merita.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.