sabato 21 febbraio 2009

1816

«Non si tratta di una battuta innocente: in quella frase c’è tutta l’ideologia di Berlusconi che faceva parte della Loggia P2 come Licio Gelli e l’ammiraglio Emilio Massera, capo della Marina Militare durante la dittatura argentina» Lita Boitano, madre di due “desaparecidos”, 19 febbraio
Striscia Rossa de L'Unità di oggi.


Siamo talmente tanto imbecilli che ce lo devono ricordare dall'Argentina.
IO non me lo dimentico che Berlusconi c'aveva la tessera 1816.

2 commenti:

  1. Nemmeno io... ma presto ci diranno che i desaparecidos non sono mai esistiti/ erano terroristi/ si opponevano alla cultura kattolika e quindi tutto sommato ben gli sta... Sai, Arguzia, mi chiedo se anche il regime de noantri non abbia una sottile voglia di desaparecidos. Le "ronde".
    Il finto sfarzo esibito (persino al mio paesello le vetrine espongono sfarzi modaioli, patacche di gioielli, mega Tv al plasma che nessun compra).
    Il fintomoralismo esibito come doveroso per il "bene comune" (Luca era gay però ha smesso; mio figlio che stupra e riprende col telefonino è un bravo ragazzo, signor giudice, la colpa è della vittima!; no, ragazzina, la pillola del giorno dopo te la scordi; l'aborto è omicidio ma se qualcuno mi sorpassa o mi nega una sigaretta lo massacriamo).
    La disinformatija televisiva.

    Una sottile voglia di regime...

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.