mercoledì 18 febbraio 2009

Senza vergogna

Berlusconi, si sa, ha uno strano senso dell'umorismo, come quando racconta barzellette sugli ebrei o i malati di AIDS. Come con la renna e il flirt di sua moglie con Cacciari.
In Italia ci stiamo drammaticamente abituando e non c'è mai qualcuno che vada lì a chiedergli se davvero non si rende conto delle cazzate che spara.
L'ultima (?) è di qualche giorno fa a Cagliari, quando ha pensato bene di scherzare sui "voli della morte". Funzionavano così: dopo averti torturato e interrogato per giorni, ti iniettavano il pentothal dicendoti che era un vaccino per evitare malattie nel posto dove ti avrebbero portato. Una volta addormetato, ti mettevano su un aereo e ti buttavano a mare.
Pare che i desaparecidos argentini siano almeno 30000. Berlusconi in una botta sola ha sputato su trentamila morti, sulle loro famiglie, sui loro amici.
Ovviamente si è trattato di un malinteso. Solo che le madri e le nonne di Plaza de Mayo non sono come gli italiani. Quelle si incazzano davvero, ci sono abituate e di palle ne hanno da vendere.
Quindi Estela Carlotto c'ha messo un attimo a rispondere che su certe cose non si scherza e con lei tante altre.  "Siamo offese , parlare ironicamente dei voli della morte è inconcepibile. La frase di Berlusconi è altamente lesiva per il sentimento dei familiari e di tutti gli argentini".
"La cosa peggiore? Non essere sorpresa dalle parole di Berlusconi. Non è la prima volta che accade che usi ironie maldestre su temi così delicati. Il fatto che si sia arrogato il diritto di offenderci è per noi un dolore fisico".


Pare che il governo argentino abbia chiamato il nostro ambasciatore, che si è affrettato a dire che Berlusconi non voleva offendere, semmai prendere le distanze dalle dittature e dire quanto si senta offeso quando gli oppositori lo paragonano ai dittatori.



QUI l'atricolo di oggi del Clarin





10 commenti:

  1. ho sentito purtroppo. io una soluzione ce l'varei: darlo nelle donne di plaza de mayo. loro si che saprebbero come metterlo apposto!

    RispondiElimina
  2. Prima o poi qualcuno offesso delle stronzate del nano farà un attento...

    RispondiElimina
  3. noooo vi prego! che se qualcuno si sogna di fare una cosa del genere lo santificano come minimo! ci manca solo quello! comunque all'estero siamo visti come il paese dei cachi! nessun tg ha parlato del caso mills, nessuno, in compenso ne han parlato i giornali USA, inglkesi e al jazeera,e l'opinione non è delle migliori.

    RispondiElimina
  4. Tanto sui voli della morte non c'erano i suoi figli. C'erano ragazzi come noi a cui forse certi campioni italici di democrazia non dispiacerebbe riservare certi servizi.

    Ma in Italia le madri di Plaza de Mayo non piacciono. Piacciono solo le madri che non abortiscono.

    RispondiElimina
  5. @arguzia spero che il sogno diventi realtà, anche se grazie al lodo alfano mi sa che purtroppo ne passerà di acqua sotto ai ponti...tristezza!

    RispondiElimina
  6. Già, ma come diceva "quella gran culo di Cenerentola", "i sooooooogni son deeeeeesideeeeriiiiiiiiiiiii!!"

    RispondiElimina
  7. ma si lui scherza ... gli altri dicono stronzate ... lui scherza ... sempre a pensare male cara arguzia !

    RispondiElimina
  8. Lui scherza ed i suoi scherzi hanno sempre il sapore ferrigno della minaccia velata... A volte mi capita di pensare con un filo di orrore che questa compagine governativa a metà tra il fascista e la plastica non veda l'ora di punire gli autori di psicoreati ovvero di chiunque dissenta o osi addirittura mettere in pratica il proprio dissenso.
    Infine un paio di volte mi sono chiesto: questo non è forse un governo in cui striscia insidioso un desiderio di minacciare, reprimere, quasi il rimpianto di non poter più "fare democrazia" in senso cileno e argentino (tutti paesi cristianissimi)????

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.