lunedì 16 marzo 2009

Senso estetico

''Voi credete che imbarbariamo o cementifichiamo il Paese concedendo di aumentare la superficie abitativa del 30%? Io credo di no. Ho molta fiducia nel senso estetico degli italiani e nel senso di responsabilità dei professionisti che elaboreranno i progetti'', ha detto Berlusconi.

Ecco, io invece no. Mi basta pensare allo scempio delle nostre coste, ai quartieri abusivi per non avere nemmeno un briciolo di fiducia nel senso estetico degli italiani.

Dice che la norma è pensata guardando "alle esigenze delle famiglie che abitano in case mono o bifamiliari e che hanno necessità di avere una o due stanze in più". Insomma, è per i ricchi che hanno la villa e sti cazzi se la gente non ha un tetto, se gli affitti sono stellari e la gente paga un occhio per un posto letto.

Sul "senso di responsabilità dei professionisti", invece, vorrei non pronunciarmi.
Altrimenti mi vengono in mente le scuole che crollano o le case "non a norma".

Ma si sa, noi comunisti siamo dei disfattisti.

3 commenti:

  1. e già... poi vai a leggere ben benino cosa ti permettono di fare e ti accorgi che, si solo chi vive in una villetta può fare ciò che vuole...

    RispondiElimina
  2. Hai presente la scusa "ho uno stile di vita da mantenere" che i grandi truffatori usano per giustificare le proprie porcate? Quest'ennesimo scempio mi dà la stessa impressione.
    Per chi non ha la villozza col SUV è inutile prendere provvedimenti... evidentemente a noi giovani che viviamo in appartamento (magari, orrore, con altri coinquilini e senza nemmeno un SUV o un personal trainer) il senso estetico è precluso...

    RispondiElimina
  3. Il senso estetico del nano ha comportato: una serie di piscine a cascata, un bosco di cactus, un anfiteatro romano, un tunnel sottomarino, un vulcano finto a villa Certosa in Sardegna e un mausoleo inuilizzatonel parcodell villa di Arcore. Tra poco farà un dl che annulla la legge napoleonica sui cimiteri e così traslerà la famiglia defunta ad Arcore.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.