sabato 21 marzo 2009

Sgomberi (ancora)

Solo che ad essere sgomberati sono sempre i "nostri" posti.
Casapound no, resta lì, coi camerati che giocano felici a ronda notturna.

Ora è toccato al Rialto, associazione culturale al Ghetto. La scusa sarebbero le "ripetute aggressioni nei confronti degli avventori negli ultimi due anni".
Ma io non è che ci credo molto.

Il presidente della commissione sicurezza del Comune di Roma, Fabrizio Santori, dice che l'intervento è servito a ripristinare le regole "in un quadrante della città che per lunghi anni è divenuto terra di nessuno".
C'è da chiedersi se il tizio sappia di cosa sta parlando.

1 commento:

  1. è sempre terra di nessuno, quando intervengono loro. e chi lì ci trovava un punto di incontro, spesso anche di alto livello culturale, si vede che s'era sbagliato!

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.