mercoledì 22 aprile 2009

Intanto...

Mentre tutti stiamo cercando di capire che cosa ne sarà dei terremotati abruzzesi, ci interroghiamo sulla presenza di Berlusconi alle celebrazioni del 25 Aprile e ci indignamo per i migranti che vengono lasciati alla deriva, il governo lavora. Oh, se lavora...

In particolare sta lavorando alacremente al nuovo testo unico sulla sicurezza sul lavoro. Lìarticolo 15 bis del detto testo, di fatto servirà a salvare i manager delle aziende responsabili di incidenti, infortuni e malattie professionali.
Pare che se il testo passa così com'è stato scritto il suo valore sarebbe retroattivo.
Niente di meglio di un esempio facile facile per capire di che si sta parlando.
Ricordiamo tutti la tragedia della Thyssen. Ecco, col nuovo testo salterebbe il processo ai vertici dell'impresa. E 'fanculo ai morti nel rogo, 'fanculo alle loro famiglie.


Il meccanismo, una volta decodificato dai legali che rappresentano le parti lese nei processi relativi agli infortuni sul lavoro, è molto semplice: se l'indagine, mettiamo sulla strage ThyssenKrupp, risale la catena di comando fino al top-mangement tedesco, in base alla nuova normativa i vertici sarebbero non processabili pur essendo responsabili, qualora emergano responsabilità a livello inferiore. Per intenderci, i due dirigenti tedeschi passerebbero il testimone al direttore dello stabilimento torinese, il quale a sua volta potrebbe essere «liberato» dal capo del reparto in cui è avvenuta la stage. Fino al paradosso che l'unico soggetto imputabile sia il singolo operaio, qualora coinvolto nella rete di responsabilità.[Il Manifesto]



Per la cronaca:

Dall'inizio dell'anno ad ora,
per lavoro, ci sono:
320 morti
320796 infortuni
8019 invalidi

22/04/2009 ore 09.26

Articolo 21- Canale Lavoro

2 commenti:

  1. veramente raccapricciante ! la solita assurda legge per salvare il culo a qualche imprenditore del cazzo !

    RispondiElimina
  2. Per fortuna Napolitano ha detto di cambiare la norma. Stiamo a vedere.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.