domenica 13 settembre 2009

Buona Domenica*

Niente di meglio dopo un finesettimana doloroso che leggere i giornali.
E quindi ecco PapaMazinga, che ha scoperto che se non si accede ai farmaci, nei paesi poveri si muore. Certo non tutti i farmaci devono essere ugualmente accessibili e quindi ha ricordato ai farmacisti cattolici che non devono vendere "farmaci contro la vita".
In pratica il papa chiede ai farmacisti, italiani, di violare la legge italiana, ma temo che nessuno dirà niente. Federfarma, comunque, ribadisce che per i farmacisti NON ESISTE L'OBIEZIONE DI COSCIENZA.
Se io vado con la ricetta, il farmacista deve vendermi quello che chiedo e se non ce l'ha deve fare in modo di procurarmelo nel minor tempo possibile.
Ma al papa ovviamente questo non  importa. Prima di tutto viene la fede, poi il resto.

E intanto la prima puntata di Ballarò è posticipata, per permettere a Vespa di fare uno spottone al suo padrone, con la diretta da L'Aquila per la consegna delle prime case,
Il miglior premier degli ultimi 150 anni ha non pochi problemi e un po' di pubblicità ci sta sempre bene.

Yuppi.



*Venditti

2 commenti:

  1. Consegneranno un plastico della casa, trattandosi di Vespa, ma sembrerà una casa vera. Vedremo una famiglia entrare in casa, e le altre 30 mila? Spero che Floris faccia un Ballarò in differita.
    Che schifo questo governo! Ma non è una novità.

    RispondiElimina
  2. Pare che Mazza abbia detto: "I palinsesti cambiano quando è necessario. Due settimane fa abbiamo spostato l'intrattenimentio (X Factor) per il calcio. Lo abbiamo fatto in silenzio e senza rilievo esterno".
    Ecco, io spero che non sia vero... giuro, lo spero.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.