martedì 6 ottobre 2009

Genio e sregolatezza.


Ci sono in giro per la rete diverse petizioni per la scarcerazione di Roman Polanski, la più "autorevole" è firmata da attori, registi, artisti.

Ecco, io vorrei dirgli solo "ma anche no".
Mi spiace, ma l'indubbio merito artistico di una persona non può in nessun modo mettere in secondo piano lo stupro di una tredicenne.

I grandi artisti dicono: "I cineasti e autori francesi, europei, americani e del mondo intero ci tengono ad affermare la loro costernazione. E' inammissibile che una manifestazione culturale internazionale che rende omaggio a uno dei più grandi cineasti contemporanei possa trasformarsi in un trabocchetto della polizia".
Mo', sarà pure stato un "trabocchetto", ma questo è dal 1978 che scappa per non essere condannato.
Lui ha tra l'altro ammesso i fatti e anche se dice che la ragazzina era consenziente, lei aveva tredici anni e di consenso, a quell'età, la legge non parla.
I fatti sono che lei era drogata e che lui se l'è trombata, mi pare inutile starci a ricamare su.

Insomma, invochiamo pena di morte e piselli tagliati per pedofili e stupratori e poi facciamo una petizione per uno solo perché è un grande regista?
Ma che vuol dire?
Che se sei un genio puoi fare le cose più schifose e restare impunito?

Leggo alcuni nomi dei firmatari-vip: Costa-Gavras, Wong Kar-Wai, Fanny Ardant, Ettore Scola, Marco Bellocchio, Giuseppe Tornatore, Monica Bellucci, Abderrahmane Sissako, Tony Gatlif, Pierre Jolivet, Jean-Jacques Beineix, Paolo Sorrentino, Michele Placido, Barbet Schroeder, Gilles Jacob, e Bertrand Tavernier.

Ecco, magari sta gente dovrebbe scendere un momento nel mondo reale e magari  investire un po' del suo preziosissimo tempo per ascoltare qualche storia, perché di ragazzine e ragazzini stuprati ce ne sono a milioni e forse avrebbero qualcosa da insegnare. E perché TUTTI i responsabili devono essere puniti. Anche se sono dei geni della cinematografia mondiale.

2 commenti:

  1. Credo anche io che il merito per qualcosa non bilanci la colpa per qualcosaltro.
    Se lo stupro è avvenuto, lo stupratore deve essere punito.
    Se c'è stata un'inchiesta, un processo e una condanna è giusto che il condannato la sconti.

    Kisses
    Azzurra

    RispondiElimina
  2. Mi piange il cuore. Essì, perchè vedere un genio come lui scendere a questi livelli mi rende triste. E perché non capisco per quale ragione non deve essere condannato.
    Siore e siori, in questo mondo forse non è chiaro, ma LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI. Che siano papi o registi...

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.