mercoledì 7 ottobre 2009

ILLEGITTIMO

(Ansa)




La Consulta - secondo quanto appreso dall'ANSA - ha bocciato il 'lodo Alfano' per violazione dell'art.138 della Costituzione, vale a dire l'obbligo di far ricorso a una legge costituzionale (e non ordinaria come quella usata dal 'lodo' per sospendere i processi nei confronti delle quattro più alte cariche dello Stato). Il 'lodo' è stato bocciato anche per violazione dell'art.3 (principio di uguaglianza). L'effetto della decisione della Consulta sarà la riapertura di due processi a carico del premier Berlusconi: per corruzione in atti giudiziari dell'avvocato David Mills e per reati societari nella compravendita di diritti tv Mediaset.



La decisione della Corte Costituzionale di dichiarare l'illegittimità del 'lodo Alfano' é stata presa a maggioranza, secondo quanto apprende l'ANSA da fonti qualificate. Il 'verdetto' della Corte costituzionale sarà ufficializzato a breve dalla Consulta con un comunicato.



 



IL COMUNICATO DELLA CONSULTA



Da Palazzo della Consulta è stato diffuso il seguente comunicato: "La Corte costituzionale, giudicando sulle questioni di legittimità costituzionale poste con le ordinanze n. 397/08 e n. 398/08 del Tribunale di Milano e n. 9/09 del GIP del Tribunale di Roma ha dichiarato l'illegittimità costituzionale dell'art. 1 della legge 23 luglio 2008, n. 124 per violazione degli articoli 3 e 138 della Costituzione. Ha altresì dichiarato inammissibili le questioni di legittimità costituzionale della stessa disposizione proposte dal GIP del Tribunale di Roma"














[youtube http://www.youtube.com/watch?v=Vxxo8988ADI&hl=it&fs=1&]

3 commenti:

  1. il dono della sintesi ma anche della tempestività e della chiarezza
    se non mi piacessero gli uomini quasi quasi ti manderei dei fiori
    :)

    RispondiElimina
  2. Manco al mio compleanno m'ha chiamato così tanta gente in così poco tempo...
    e poi Fede... mio dio, Fede oggi è stato strepitoso... quasi gli veniva da piangere.

    Come ti ho detto altrove, se mi fermo a pensare è quasi triste dover gioire perché dei giudici hanno ribadito che siamo TUTTI UGUALI davanti alla Legge. Sono cose che una persona onesta e con un minimo di intelligenza da per scontate. E soprattutto è l'articolo 3 della nostra Costituzione, quella filosovietica.
    Ma non importa.
    Penso alla faccia di Berlusconi che commenta la sentenza e semplicemente GODO.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.