venerdì 22 gennaio 2010

Sono razzista.

Mentre tornavo dalla pausa caffè stavo pensando che io si, sono razzista.
A me i leghisti e i fascisti fanno schifo.
Non mi siederei mai a cena con uno di loro e se proprio capitasse, non riuscirei a tenere a bada il mio razzismo e il mio disgusto. Nonnetta mi ha insegnato che con certa gente non si divide il pasto, mai. E lei di fascisti ne sa qualcosa.
Non mi piacciono, li trovo anche francamente brutti. E poi vengono nella mia città a lavorare, magari in Parlamento, per poi dire che fa schifo e che Roma è ladrona.

Comunque, riflettevo sul mio razzismo e mi chiedevo se sono la sola o se anche tra i miei amici ci fosse qualcuno come me. Ho fatto un elenco veloce dei più intimi e si, siamo tutti accomunati dall'odio razziale.

E non siamo i soli.

A
Padova il clima per i leghisti sta diventando intollerabile.
Sono da tempo oggetto di discriminazione, come dice il segretario provinciale della Lega, tale Maurizio Conte.
Ormai la situzione  sta degenerando: ci sono addirittura cartelli con scritto "non si affitta ai leghisti", un po' come quel "non si affitta ai terroni" di qualche decennio fa.
Citerò le parole di Conte, così come le leggo su Libero:
«Un grave caso di razzismo e di discriminazione contro noi leghisti, frutto di una campagna di odio e di falsità che si sta facendo sempre più pesante con l'approssimarsi delle elezioni». Certe cose fanno riflettere.



7 commenti:

  1. non è che Roma sia ladrona sono tutti i parlamentari che la popolano ad esserlo...

    RispondiElimina
  2. Io pure sono intellettualmente razzista.

    RispondiElimina
  3. stavolta non sono d'accordo con te. o meglio, lo sono nei concetti, non nei termini.
    il razzismo (etnico, fisico..) è pregiudizievole. nel tuo caso hai eccome gli elementi per valutare se una categoria è degna di stima, dato che la distinzione è fondata sulle scelte che i membri di quella categoria operano. insomma, è una questione di morale, non di caratteristiche random attribuite alla nascita.
    e la morale di un leghista è un gradino sopra quella degli stupratori, per parafrasare qualcuno che adesso non ricordo.
    niente razzismo, dunque. sdoganati.

    un hugo88 particolarmente insonne

    RispondiElimina
  4. Cara...
    allora io tra i leghisti ci vivo, pure il mio sindaco è della lega e ti devo dire che ne ho le palle piene!
    Kisses
    Azzurra

    RispondiElimina
  5. Beh se questo significa davvero essere razzisti allora sono orgogliosa di esserlo.

    RispondiElimina
  6. mea culpa. sono razzista anch'io, in questi termini. (a me danno fastidio pure i forzitalioti, eh?!)

    RispondiElimina
  7. Vero!
    Come dimenticarli, Erinni.
    Sono proprio una brutta persona si si.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.