domenica 31 gennaio 2010

Via Tasso

Via Tasso, Roma


E quindi domenica mi sono svegliata presto per andare a Via Tasso.

Speravo di vedere la strada completamente invasa, ma non è stato così.
Non posso non chiedermi ancora una volta dove sono i ragazzi dell' Onda.
L'ho già detto mille volte, ma continuo a non comprendere le loro assenze.
Possibile che non abbiano sentito le scritte sulle mura del Museo come un affronto fatto a loro stessi?
Possibile che non abbiano sentito il bisogno di andare ad ascoltare le parole di chi quel periodo l'ha vissuto, di chi ha perso genitori, fratelli, amici alle Fosse Ardeatine o nello stesso carcere di Via Tasso?

Forse non dovrei essere polemica, è inutile. Ma mi guardavo intorno e pensavo che l'età media era troppo, troppo alta.

E poi ci sono i media.
Il Tgr ha fatto un servizio di pochi minuti, i telegiornali nazionali hanno appena accennato alle scritte e alla reazione dell'A.N.P.I. Il sit-in non ha trovato spazio nell'homepage di Repubblica- Roma.

E consiglio ancora una volta a tutti di andare a visitare il Museo e di provare a fermare qualcuno dei più anziani, perché sentirli parlare ieri è stato per me davvero emozionante.
Poi vabbè, io so' fracica e piango sempre, ma questa è un'altra storia.


1 commento:

Sproloquia pure tu.