lunedì 15 febbraio 2010

A me Luxuria piace.

Sono stata anche felice quando è stata eletta in Parlamento.
Poi la svolta: l’isola dei famosi. E già qui cominciano i miei problemi: la sinistra muore, scompare dal Parlamento e lei va a naufragare in Rai.

E ora è ospite fissa in uno di quei programmi trucidi della televisione pomeridiana.


Sabato al No Vat mia cugina mi fa: “Ma hai visto Luxuria? Dice che Fini non le dispiace e bla bla bla”.


Allora mi vado a cercare l’intervista, perché di certo deve esserci un errore: possibile che a ‘sta storia di Fini-ultimo-baluardo-della-democrazia-e-dei-diritti ci credono proprio tutti?


Pare di si.


Dice che si candiderebbe con la destra, se avesse tempo e glielo proponessero.


Mi chiedo come farebbe a sedere accanto a chi i froci li vuole ben nascosti e i trans possibilmente altrove, come potrebbe stare seduta con chi le ha detto "meglio fascista che frocio".

Mi chiedo come fa ad apprezzare quello stesso Fini che diceva che se sei frocio non puoi fare il maestro elementare, secondo la più becera equazione “frocio=pedofilo”.

E il fatto che fosse il 1998 per me non cambia poi molto, io a questi cambiamenti radicali e repentini c'ho sempre creduto poco.

Non sono io, in fondo, ad aver detto che "non è moralmente opportuno che chi è omosessuale dichiarato o chi arriva a considerare la pedofilia, tutto sommato, una forma d'amore, possa fare l'insegnante".


E poi come la mettiamo con tutti quelli che a destra non fanno che ricordare come non sia assolutamente giusto parlare di riconoscimento giuridico delle coppie omosessuali perché così si mette in pericolo la sola e unica famiglia che vogliamo, quella fatta di maschio e femmina benedetta dal signore?


Eppure lo scorso Agosto, dopo le aggressioni al Gay Village e a Via di San Giovanni in Laterano, aveva detto “Riguardo agli strumenti politici, c’è uno strumento, quello dell’aggravante per i reati di omofobia, che avevamo tentato di fare approvare nella scorsa legislatura e che invece proprio il centrodestra, insieme ai Teodem e all’Udeur hanno di fatto bloccato” e aveva mandato qualche frecciatina al SindacoDegliAltri e sulla sua presunta "Roma sicura".
Quindi un "colpevole" c'era ed era una politica di destra.


Santoddio, possibile che in sei mesi tutto sia cambiato e la destra nostrana sia diventato un bel posto dove stare e solo io non me ne sono accorta?


Boh, io mi perdo.

3 commenti:

  1. Luxuria non è un politico è un artista e si comporta come tale, darle credito è come dare valore politico alle dichiarazioni di Alba Parietti.

    RispondiElimina
  2. ti piaceva luxuria ?!?!?!?!?
    ma dai ?!!?!??!?!
    Le persone che fanno politica sono ben altre .. questo è un personaggio che va bene per la televisione non per fare politica!
    Il parlamento va svuotato di sta gente di merda

    RispondiElimina
  3. MI PIACE CHE QUALCUNO ANCORA RICORDI QUALCOSA IN QUESTO PAESE

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.