venerdì 26 marzo 2010

In quei giorni lì...



Essendo io femmina,  è da quando ho tredici anni che combatto con il ciclo.
Dolori, fastidi, niente piscina, tonnellate di antidolorifici e bla bla bla.
Soprattutto combatto con gli assorbenti. O meglio, con le pubblicità degli assorbenti.
Una tragedia.
Secondo le pubblicità degli assorbenti “in quei giorni lì” noi diventiamo delle pazze spericolate o delle dementi che camminano guardandosi il culo nella speranza che non sia sporco (si, lo so, fa schifo anche a me).
Si inventano di tutto: assorbenti col verso giusto, quelli profumati, quelli a forma di tanga, quelli extra, quelli per la notte, quelli per il brunch e quelli che puoi scambiare per un rossetto tanto è carina la bustina.
Qualcuno addirittura ti ci scrive degli interessantissimi consigli: Lo sapevi che durante il ciclo ti puoi lavare i capelli e non è vero che se tocchi un fiore poi appassisce?

Ma cazzo, ci prendono per dementi?
Poi dicono che quando abbiamo il ciclo siamo nervose e incazzose, ma vorrei vedere voi ad essere bombardati di tali e tante cazzate.

Fanculo.

6 commenti:

  1. arguzia, mi hai strappato un sorriso in questa giornata grigia...e quella dell'analgesico stile matrix?! ne vogliamo parlare!!!... ma se io invece avessi voglia di starmene una giornata comoda comoda sul divano con borsa dell'acqua calda a drogarmi di telefilm con la scusa del mal di pancia non posso!?!?... uffi... io da femminista ma Molto opportunista, istituirei un giorno ogni 28 di malattia senza doversi giustificare... ahahah...p.s. le scrittine io le Adoro, però cavoli quelle più interessanti sono sempre a metà!!!...

    RispondiElimina
  2. ODDIO! SI!!!Quel cazzo di analgesico, che peraltro per me è come acqua fresca...Lo sapevi che durante il ciclo è comportamento molto comune desiderare cibi dolci?

    RispondiElimina
  3. Si, ma ora vado a lavarmi i capelli. E poi lo sapevi che secondo un'antica e diffusa credenza... ma vaffanculo, non te le meriti certe conoscenze.

    RispondiElimina
  4. Non senti un improvviso desiderio di lanciarti da un un aereo col paracadute? O di ballare facendo la ruota????

    RispondiElimina
  5. No, Minerva, non ho tempo: sto cercando di scoprire tutti i fattori psicologici e sociali che insieme a quelli biologici causano la sindrome premestruale. Che peraltro può essere influenzata anche dallo stress.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.