martedì 6 luglio 2010

Ancora su donne, Fini e Fatti Quotidiani.


Gomez risponde ancora.

Mi sa che tra mail
bombing, facebook e blog questi si sono accorti che le simpatiche parole di Fini (Massimo), “il grande scrittore, un grande giornalista e, soprattutto, (non un uomo, ma) un essere umano libero”, per dirla con le parole di Gomez, hanno urtato più di una persona.

E quindi hanno pubblicato l’articolo di
Giorgia Vezzoli, (che peraltro gira da un bel po’ anche su faccialibro, è bello che se ne siano accorti anche loro), con tanto di risposta in tempo reale di Gomez in persona.

In sostanza il buon Peter ripete quello che aveva già detto dopo il casino per il secondo articolo di M.F., “
Due al prezzo di uno”: Fini è un grande giornalista, uno politicamente scorretto, ma deve essere libero senza se e senza ma. E poi forse grazie ai suoi articoli deliranti e misogini (aggettivi decisamente miei) si comincia a muovere qualcosa nel dibattito sulla questione femminile. Insomma, alle donne serve che qualcuno le prenda a calci per parlare di sé e per rendersi conto di quanto siano disprezzate (e temute) da un non piccolo numero di uomini in carriera, che magari hanno paura di essere scalzati.

Comunque, scrive Gomez, non c’è nulla da preoccuparsi: Il Fatto non sta veicolando affatto messaggi misogini. Non dobbiamo in nessun modo restare alle semplici parole così come le leggiamo negli scritti di Massimo Fini:
La linea del Fatto sulle donne è chiara ed è testimoniata da decine di articoli. Quindi perché fossilizzarsi proprio su questi? Dovremmo anzi capire il gran favore che tali scritti fanno a tutte noi: un’occasione preziosa per discutere di un tema importante: la condizione femminile. Un tema che in Italia viene accuratamente evitato.
Quindi dovremmo piuttosto ringraziare il grande giornalista, grande scrittore e persona onesta con la quale in questo caso non concordiamo per nulla, perché grazie a lui si sta aprendo un importante dibattito.

E soprattutto si sta per aprire -udite udite- un blog. Ebbene si, grazie agli insulti di Fini, Il Fatto aprirà un bellissimo blog dedicato alla battaglia per la dignità femminile e per il rispetto dei generi. Quindi, mie care, ringraziamo Massimo Fini, che tra un insulto, un'istigazione allo stupro e una
pippa
dietro una siepe ci sta aprendo un mondo telematico meraviglioso.

A me viene in mente solo una parola: paraculi.


E' ben comodo dire che sotto sotto quegli articoli deliranti hanno fatto nascere un dibattito.
Di queste cose le donne dibattono da anni e certo non sentivano il bisogno di sentirsi dare (di nuovo) delle streghe isteriche da un maschio per andare avanti.


6 commenti:

  1. Ti ringrazio davvero per aver segnalato questa notizia.Giorgia Vezzolihttp://vitadastreghe.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Grazie a te, Giorgia.Io sono incazzosa ma inconcludente, quindi sono stata ben lieta di leggere il tuo articolo pubblicato lì: i miei sproloqui tendono a rimarere "privati".Come ho scritto sia qui che su FB credo che la risposta di Gomez sia ridicola (ho poi letto qualche commento alla tua lettera... agghiacciante il nulla che ci circonda), ma vale la pena continuare a bombardare.

    RispondiElimina
  3. utente anonimo6 luglio 2010 18:51

    Grazie Giorgia per aver veicolato con l'articolo  il  senso alla protesta di tante persone indignate e offese dalla cialtroneria intellettuale (onesto perchè ha la fedina penale pulita? come giornalismo onesto un accidente!) di Fini Massimo e del Fatto Quotidiano che ce lo scodella, tanto lo pagano i lettori e le campagne di sostegno alla testata giornalistica che si prospetta come una voce indispensabile dell'informazione imbavagliata italiana!Il tuo articolo deve aver disturbato molto le logiche di casta giornalistica che evidentemente imperano anche là dentro.  Si sarebbero dimostrati degni di chiamarsi una testata democratica e in prima linea sulla difesa della Costituzione se avessero almeno contemplato la semplicità di prendersi la responsabilità della condotta editoriale e l'azione di scuse verso il pubblico per un attacco gratuito e codardo verso il genere femminile. Peccato. E' molto sgradevole ma chiarificatore . Bianca

    RispondiElimina
  4. Ho scritto un post a commento della risposta pubblica di Gomez:http://vitadastreghe.blogspot.com/2010/07/le-parole-sono-importanti.htmlGiorgia Vezzoli

    RispondiElimina
  5. Intanto gliel' ho detto ai commenti sul pezzo quote rosa, ora vediamo se me lo pubblicano.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.