martedì 31 agosto 2010

Gheddafi is back


Visto che sono pigrissima, ho aspettato prima di poter anche solo pensare di commentare la visita di Gheddafi.
Poi ho pensato che visto che dalla scorsa volta non è cambiato un cazzo, tanto vale fare copia e incolla di quello che avevo scritto nel novembre scorso.
Meno fatica, stesso astio.


18 novembre 2009

Sarà che ho visto quasi tutti i film di Nanni Moretti, sarà che ho fatto il classico e sono sopravvissuta alla prof. L, ma per me le parole sono importanti e hanno un senso. Non amo girarci intorno.
Se rubi, sei un ladro; se corrompi, sei un corruttore; se decidi che alle tue "lezioni" possono assistere solo ragazze giovani, alte, magre e possibilmente bionde, sei un puttaniere. O un laido vecchio porco, non saprei.

Leggo che Gheddafi ha voluto un uditorio di sole gnocche per le sue
lezioni sul Corano.
Alte almeno 1.70, taglia 42, bionde.
Niente minigonna, ma almeno 7 cm di tacco (solo che nelle
foto sul Corriere di squinzie discinte se ne vedono parecchie).
Tutte sorridenti col Corano in mano.
C'è da chiedersi cosa Gheddafi abbia potuto insegnare.
Ma almeno loro (che sono tutte hostess, quindi ragazze che erano lì per lavoro) si sono portate a casa 70€.

Certo, non so se lo schifo ne valesse la pena.

Ecco un altro esempio lampante di come gli uomini -soprattutto se di potere- vedono le donne: carne.
Siamo tette e culo, il resto, se c'è, non conta.
Cervello, curiosità, intelligenza, tutto passa in secondo piano di fronte a un bel paio di tette sode e un culo a mandolino, possibilmente perizomatissimo.

Che poi magari tra quelle ragazze ce n'era certamente più di una che avrebbe volentieri espresso la sua opinione, ma tant'è.

Detesto questo modo che hanno di vederci certi uomini.
Detesto il nostro permetterglielo.
Soprattutto questo.

Forse divento bacchettona col passare del tempo, ma quando mi capita di vedere il primo piano del culo (bel culo, peraltro) della tizia che "balla" nel nuovo programma di Papi su Italia 1 non riesco a non chiedermi: "cosa pensi mentre mezza Italia commenta il movimento delle tue chiappe?".
Davvero, senza giudizi morali.
Vorrei davvero chiederglielo.
Vorrei sapere cosa c'è nella testa di una ragazza che decide di mettere in mostra il suo corpo in questo modo.
Non è per fame, come le puttane.
Non è nemmeno per ricatto, come moltissime altre puttane.
Solo che io proprio non lo capisco cos'è.

Per chi non lo conoscesse:
http://www.ilcorpodelledonne.net/

2 commenti:

  1. Non so nemmeno descrivere tutto lo schifo di questi giorni!un salutoErnest

    RispondiElimina
  2. Basta non guradare la tv...La verità è che se siamo messe così è perché ci siamo dimenticate di tutto il brodello che hanno fatto le donne negli anni 60'-70'...Negli anni '80, quando chiedevano a Lorella Cuccarini cosa consigliasse alle ragazze che volevano fare le ballerine lei diceva: "Studiare, Strudiare e Studiare: Danza, Canto e Recitazione" insomma una vita di dedizione e sacrifici.Adesso lo chiedono alla Santarelli e lei dice: "rifatevi le tette!".Preferivo la Cuccarini!kissesAzzurra

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.