giovedì 26 agosto 2010

Scusi, ma non potevamo più permettercelo.


''Dobbiamo rinunciare ad una quantita' di regole inutili: siamo in un mondo dove tutto e' vietato tranne quello che e' concesso dallo Stato'', ha detto il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, intervenendo ieri al Berghem fest, sottolineando subito dopo che ''robe come la 626 (la legge sulla sicurezza sul lavoro) sono un lusso che non possiamo permetterci. Sono l'Unione europea e l'Italia che si devono adeguare al mondo''. ''Tremonti si riferiva alla giurisdizione europea e alla sua estensione eccessiva rispetto all'obiettivo sulla sicurezza del lavoro, che resta invece essenziale'', ha poi precisato la portavoce di Tremonti, Emanuela Bravi.

Questa la notizia sul sito dell'
Ansa.

Oggi è morto un operaio in
Puglia, caduto in una cisterna. I suoi compagni sono stati tirati fuori vivi.
Ieri ad
Angri è morto un operaio, folgorato mentre stava su un'impalcatura.
Qualche giorno fa è morto un ragazzo
senegalese, che lavorava rigorosamente in nero in un cantiere.

E la
lista è lunga, lunghissima.
Poco meno di settecento morti, poco meno di settantamila feriti e poco più di diciassettemila invalidi.

Ecco, ora vorrei tanto che Tremonti andasse dalle famiglie di questa gente a dire "scusate, ma non potevamo permettercelo".


E vaffanculo.



http://www.youtube.com/watch?v=Oil9UyJNQ7M

2 commenti:

  1. Secondo me non possiamo permetterci neanche lo stipendio di Tremonti, Berlusconi e tutti ideputati e senatori!Un bel taglio drastico dai loro salari e vedrai che si trovano i soldi per la sicurezza sul lavoro!kissesAzzurra

    RispondiElimina
  2. Riesco solo a dire Schifo!!!un salutoErnest

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.