lunedì 11 ottobre 2010

Deriva femminista



Qualche tempo fa mi hanno detto "si, lo leggo il tuo blog, ma che palle, mo' c'hai la deriva femminista".
Forse è vero, ma mi sento più che giustificata da quello che vedo ogni giorno.

La deriva di oggi è stata fomentata dalla ditta "
Vascabella", di tale Pasquale Rullo, in quel di Como.

Il fatto che per pubblicizzare una vasca da bagno si sia pensato di immergere una donna in un mare di schiuma non è originale. Il fatto di aver chiamato l'immagine in homepage "figanellavasca.gif" è indice di come una certa rappresentazione del corpo della donna sia entrata ormai nella "normalità" della comunicazione iin questo paese.

Ora, io non voglio essere "catastrofista" , ma se c'è gente che crede sia normale o legittimo o consentito usare una simile immagine per pubblicizzare un prodotto, qualunque esso sia, poi non possiamo più cadere dalle nuvole quando leggiamo i fattacci di cronaca.

C'è questo bel
videomessaggio fatto dall'UDI mentre la televisione ci faceva vedere i funerali di una ragazzina ammazzata e stuprata dallo zio, che ci dice qualcosa che in troppi non vogliono accettare: "certe cose non accadono per caso o come un fulmine a ciel sereno, ma perché alcuni uomini sono convinti che quelle cose possono farle".

E allora sarò io che c'ho la deriva, sarò io che esagero, ma credo che questo tipo di comunicazione contribuisca attivamente a quel pensiero.

Vi invito quindi a segnalare lo "spot" allo
IAP. Bastano un paio di minuti.


AGGIORNAMENTO del 12 ottobre:
le merde hanno tolto la "figanellavasca" per sostituirla con una comune doccia.

Nessun commento:

Posta un commento

Sproloquia pure tu.