giovedì 25 novembre 2010

No alla violenza sulle donne!


Oggi è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne.
Si, in effetti ogni giorno dovrebbe essere una giornata contro la violenza sulle donne, ma qua tra omicidi -riusciti o meno-, stupri, botte è una guerra.

Lunedì a Vieni Via Con Me tre
Donne hanno letto tre elenchi, che sono quello che molte di noi pensano ogni giorno.
Ognuna di noi avrebbe potuto scrivere quegli elenchi.
Femminismo A Sud ne ha scritto uno e chiede a Saviano e Fazio di leggerlo.
E'
l'elenco delle donne uccise negli ultimi QUATTRO mesi.
Più di sessanta donne ammazzate in quattro mesi.
E mancano tutte quelle che sono state stuprate, mutilate, picchiate.
Mancano quelle che sono sopravvissute e se andate a fare un giro su
Bollettino di Guerra potrete avere un'idea dei numeri.

Sono donne normali, non eroine e proprio per la loro normalità vengono dimenticate, perché in troppi ancora pensano che "certe cose" non siano un problema di tutti.

Per aderire all'iniziativa di Femminismo a Sud, si può può inviare l'elenco, o direttamente il link al
loro post, a info@robertosaviano.it , tramite il form sul sito della trasmissione o lasciare un messaggio sulla bacheca della loro pagina facebook.



Per ogni donna uccisa, stuprata e offesa siamo TUTTE parte lesa.

4 commenti:

  1. http://www.unita.it/news/lidia_ravera/106233/bentornate_al_medioevo

    RispondiElimina
  2. che dire ... forse fare finta che il problema non esiste è il miglior modo di fare del male alle donne

    RispondiElimina
  3. Aggiungerò il tutto alla mia galleria degli orrori. Nel mio blog a http://lorrore.blogspot.com passo gran parte del tempo citando fatti di cronaca, senza commento, di violenze sessuali e omicidi in famiglia. Cominciai dopo lo stupro del parco della caffarella per "dimostrare" ai razzisti (che tanto non leggono il mio blog) quante siano le violenze contro donne e bambini, e quanto orrore si nasconda nella quotidianità, nascosto agli occhi dei grandi media, che ne parlano solo quando ci sono delitti che stuzzicano la fantasia morbosa (Avetrana) o coinvolgono stranieri a fini elettoralisti.

    Perdona lo sproloquio.

    la Volpe

    RispondiElimina
  4. Eh, lo vedo spesso quel blog.
    E sono anni che rompo le palle a tutti ricordando che la prima causa di morte per le donne sono le violenze in famiglia.
    Solo che pare che nessuno ascolti.

    Per quanto riguarda lo sproloquio, essendo io logorroica non posso che apprezzare.

    (Oh, comunque immenso Borriello e meraviglioso Menez)

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.