mercoledì 15 giugno 2011

Massimo Fini è meno della merda


Prima ci chiama razza nemica e decide di evitarci masturbandosi dietro una siepe (Donne, guaio senza soluzione. Marzo 2010), poi dice che lo sfacelo del mondo è colpa nostra, del femminismo, di queste sgualdrine "programmate per partorire" che invece decidono di uscire, di lavorare, di avere una vita e ci consiglia di andare in Afghanistan (Due al prezzo di uno. Giugno 2010). Poi dice di non stare troppo a fare i pignoli,  perché a 17 anni non sei minorenne e se fai sesso vuol dire che un po' sei puttana e quindi hai poco da lamentarti (Non ci concentriamo sulla mutanda. Febbraio 2011) e ora invita gli stupratori di tutto il mondo ad unirsi
Sentivamo davvero la mancanza di un articolo di Fini. Come donna non mi sentivo abbastanza umiliata e insultata da quello che capita ogni giorno nel paese.
Non riesco a capire come facciano a non vergognarsi a pubblicare certa merda.

Secondo Massimo Fini, "La decapitazione di una carriera prestigiosa, il braccialetto al piede come per una scimmia,una guardia all'uscio e sei milioni di dollari mi sembrano un prezzo un po' alto per un pompino, sia pure estorto."

A quest'individuo sfugge una cosa fondamentale: UN POMPINO ESTORTO E' UNO STUPRO!

Ora, io immagino che né a Fini né alla stragrande maggioranza dei redattori del Fatto sia mai capitato di essere vittime del tentativo di estorsione di cui sopra. Deve essere così, perché in caso contrario certa immondizia non verrebbe mai pubblicata.

Adesso sono curiosa di sapere cosa farà
Gomez: una nuova risposta paracula o cosa?

Che schifo.
Massimo Fini, come tutti quelli che negano, sminuiscono, irridono "un pompino sia pure estorto", sono complici di ogni "estorsore".

5 commenti:

  1. Io non so quale problema ha con le donne Massimo Fini, ma per il suo e per il nostro bene si faccia aiutare, perchè è al limite della patologia.

    Quanto al Fatto, è un giornale che non riesco a capire. Accanto ad articoli attenti, precisi e in prima linea (penso ad esempio a quelli che di recente sta dedicando al movimento No Tav, a quelli sulle lotte dei precari o sugli operai della Vinyls, anche se non si sa mai bene se la sensibilità che mostra sia autentica o solo funzionale ad attaccare Berlusconi), non di rado offre spazio e condivide opinioni stereotipate, "provocazioni intellettuali" che risultano solo offensive e sfoghi disgustosi e pericolosi come questo. Non mi fido dei suoi sblanciamenti, anche quando sembrerebbero a favore di quello in cui credo.

    Ross

    RispondiElimina
  2. utente anonimo16 giugno 2011 07:21

    Posso? Non credo affatto gli sfugga, è solo che non lo considera reato.
    Chiunque abbia tirato fuori il termine puritanesimo nel caso dsk non lo considera tale. Quasi tutti i commentatori del fatto quotidiano non lo considerano tale. E dato che permettono a fini di continuare a vomitare la merda di cui è fatto sul loro giornale, be' anche molti di quelli che lavorano per il fatto non lo considerano tale.
    Ne ho conosciuti parecchi, in fin dei conti, che non intendono lo stupro come una grave violazione.


    Imma

    RispondiElimina
  3. utente anonimo16 giugno 2011 07:33

    @Ross: per quanto ho letto io, al fatto quotidiano le provocazioni intellettuali che mirano unicamente ad offendere hanno un unico bersaglio: le donne.
    Non mi è parso fosse così per argomenti più "sinistroidi" quali l'omosessualità.
    Questo perché a sinistra non sono meno misogini, sono solo più ipocriti.
    E per andare contro berlusconi, il governo o la destra più in generale, va bene tutto; sono pronti a sostenere qualsiasi causa, purché non si tratti di donne. Lì son tutti uniti, destra e sinistra.

    RispondiElimina
  4. Non vorrai di certo passare per una donna poco ironica con questa tua tirata su Fini!
    L'ironia ormai sta diventando il parafulmine di ogni persona che vomita odio e bile in battute fintamente sarcastiche.
    Da quel che ho letto comunque Fini mi sembra oltre che misogino un fautore del bel mondo antico, e infatti ha firmato, sottoscritto, una specie di manifesto dell'antimodernità, in cui la parola è niente globalizzazione ne di diritti, ne di persone, ne di merci.

    RispondiElimina
  5. utente anonimo27 giugno 2011 15:19

    Concordo Massimo Fini è meno della merda, almeno la merda serve per concimare, Massimo Fini no! Si potrebbe persino dire che Massimo Fini sta al ruolo dell'intellettuale come Berluscono sta al ruolo di Presidente del Consiglio, la Mara Carfagna al ruolo della ministra delle Pari Opportunità, eccetera ecetera eccetera...

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.