lunedì 26 settembre 2011

Basta Minetti, mejo i Nar.

Il SindacoDegliAltri sta vivendo un momento di totale, completa e inguaribile schizofrenia.

Rendendosi conto che con la simpatica manovra del governo i servizi dei comuni andranno affanculo (scusate, ma non ho saputo trovare un altro modo per dirlo), fa scioperi, volantinaggi, solidarizza con il suo assessore alle politiche sociali che si incatena davanti Montecitorio, e però non è capace di dire che Berlusconi dovrebbe avere quantomeno il buon gusto di dimettersi. 

E non perché è un vecchietto sessuomane, ma perché sta mandando a fondo il Paese per i suoi interessi.

Cosa può fare allora un povero SindacoDegliAltri? Prendersela con l'anello debole, da bravo fascista.

Peccato che fino a qualche tempo fa a lui le Minetti in lista andavano benissimo: l'importante era darsi una ripulita e giocare a fare il sindaco di Roma, tra baci, abbracci, saluti romani e pranzi di cui pentirsi.

Mai più Minetti in lista!

Molto meglio gli ex Nar, gli amici fidati, gli amici di sempre, quelli che con le mazze ci sapevano fare. E non fate quella faccia, non sto parlando di festini zozzi! Altre mazze, mazze da veri maschi.

Tipo Andrini, quello che voleva come ad dell'AMA, uno che quando era solo un giovane fascista di belle speranze ha quasi ammazzato un ragazzo.
O magari Francesco Bianco, ex Nar, che durante le manifestazioni studentesche dello scorso inverno, insultava (in rete, ché quei ragazzini in giro per Roma erano troppi) i manifestanti inneggiando alla violenza e già che c'era ha aggiunto anche un po' di becero antisemitismo.

È troppo facile prendersela con le "papi girls" (già questo modo di chiamarle mi fa venire l'orticaria), come del resto fa anche L'Espresso.
Per carità, io voglio che esca fuori tutto, ma trovo odioso questo accanirsi sulle donne quando in Parlamento ci sono decine e decine di bei maschioni messi lì per interesse, amicizie e favori vari, anche sessuali, si dice.

Insomma, se dobbiamo (e dobbiamo!) sputtanare -passatemi il termine- Berlusconi e il governo tutto per le candidature fasulle, i favori, la corruzione e via dicendo, cominciamo a farlo per bene.
Maschi e femmine, tutti uguali.
Nar e Minetti.
Perché altrimenti io non ci vedo politica, ma solo monnezza e gossip da vecchi allupati.

E non lo dico perché sono femminista, ma perché mi pare che in questo modo si stia perdendo tempo.

1 commento:

Sproloquia pure tu.