giovedì 8 settembre 2011

Sacconi Risponde e rincara la dose.

La risposta di Sacconi.
Copio e incollo da La Repubblica on line:
La replica del ministro, 24 ore dopo. "Sfortunato quel Paese nel quale dovessero prevalere il rifiuto di ogni dimensione ironica e la perdita della capacità di sorridere anche di fronte ai paradossi più' politicamente scorretti. E' ovvio che non intendevo offendere nessuno ripetendo la storiella che Guido Carli mi raccontò per sdrammatizzare un momento critico. Ma offende ancor più' la disonestà intellettuale di quanti, ancora una volta, usano ogni pretesto per criminalizzare chi tocca l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, perfino in relazione ad un semplice atto di fiducia nei confronti della contrattazione collettiva"

Niente, non ci arriva. Sacconi non riesce a capire che non si sorride MAI dello stupro. 
Che nessuna barzelletta renderà mai divertente una violenza sessuale.
"E' ovvio" che lui non intendeva offendere nessuno, ma è altrettanto ovvio che con questa sua "risposta" ci sta offendendo di nuovo.
Sacconi non capisce che io, sì, lo schifo perché distrugge lo Statuto dei Lavoratori, ma lo schifo un po' di più perché in poche parole ha offeso, umiliato e deriso tutte le donne.

Assordante il silenzio, ad ora (20.27) della Ministra Carfagna, che evidentemente non ha trovato qualche minuto per scrivere due righe sul sito del suo Ministero, che dovrebbe rappresentarmi, per prendere posizione riguardo le parole del suo collega.

Allo stesso modo, trovo allucinanti le dichiarazioni di tante donne del PD,  indignate dall'offesa alle suore, "capaci di dare esempi di autentica immolazione", come ha detto Mariapia Garavaglia, che evidentemente è incapace di andare oltre la "blasfemia" e di comprendere come questa barzelletta sia un'offesa per tutte le donne e non solo per le religiose.
Anche per quelle che, come me, non hanno nessuna intenzione di immolarsi.

Due cose:
- una Slut Walk
- una Slut Walk sotto il Ministero del Lavoro.

6 commenti:

  1. verissimo Giorgia,anche io sono rimasta basita dalla dichiarazione della Garavaglia. Alcuni giorni fa mi hanno invitata ad una riunione per la costituzione di un forum delle donne nel Pd, e c'era anche l'addetta dell'ufficio pari opportunità della nostra zona che ha spiegato un po' a cosa serviva questo ufficio. Un dirigente (maschio ) ha chiesto candidamente "ma cosa sono le barriere di genere?" e questo te la dice lunga.....

    RispondiElimina
  2. ops...sono entrata qui da un link di Vita da streghe di Giorgia, non mi ero accorta che ero in un altro blog, cmq il commento non cambia :)

    RispondiElimina
  3. Lola, non Giorgia :)
    Comunque, il lavoro è evidentemente parecchio lungo e sarà faticoso, soprattutto perché ci sono fin troppe donne che in questa barzelletta non ci vedono niente di male.
    Tipo Valeria Braghieri, che su Il Giornale scrive che siamo davvero poco spiritose e prive del senso dell'ironia se ci arrabbiamo tanto per una battuta che ha il solo torto di non essere divertente.

    http://www.ilgiornale.it/interni/quelle_donne_senza_ironia_sacconi_diventa_bruto_barzelletta_insulsa/09-09-2011/articolo-id=544610-page=0-comments=1

    RispondiElimina
  4. Ahhahaha! Lori, l'ho capito non appena ho cliccato "posta commento".

    RispondiElimina
  5. Lola, Lola, per quanto Gap lo detesti il miglior commento sul "ministro che fa pena" l'ha scritto oggi Sofri su Repubblica, che aggiungere?

    RispondiElimina
  6. Che anche io detesto Sofri? (Merda, ho troppe cose in comune con Gap)

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.