lunedì 17 ottobre 2011

15 ottobre

Presunti infiltrati che poi sono giornalisti e allora perché non hanno fatto niente?
Black block valsusinichepperòsiaddestranoinGrecia e ti dicono anche il numero di casa.
Le BR che sfondano i Compro Oro di via Cavour insieme ai No Tav, ai No Ponte e a zio Paperino e Cip&Ciop.
Il celerino che voleva tanto andare al corteo e invece accidenti era in servizio e chissà magari era lui ad accarezzare la ragazza.
E poi gli aspiranti delatori: ecco le foto, chi sono questi bruti? Segnalate.
E poi le foto di Canada 2007 che rispuntano fuori e cazzo c'ho messo una sera intera a far capire a qualcuno che quelle non erano guardie nostrane.

E bla bla bla bla.
Scusate, ma mi pare che tutto si stia trasformando in un'enorme stronzata.

Io sono andata in piazza nonostante parecchie perplessità, legate soprattutto a quelli che sarebbero stati i miei compagni di sfilata, gente che sembra non saper dire altro che "puttana", "ladro" e "tutti uguali tutti a casa", che se ha un progetto politico reale se lo tiene ben nascosto e non ce lo vuole proprio dire.
"Grillo presidente". Da accapponare la pelle.
"Popolo unito, però senza partito", così almeno in primavera Berlusconi rivince le elezioni e tante care cose a tutti.

Sono scesa dalla metro insieme a ragazzine di fuori Roma venute al loro primo corteo, ho visto ragazze e ragazzi di  altre città che non sapevano nemmeno dove stavano (cazzo, scaricarsi una mappa da internet no, eh?) e quando sono cominciate "le brutte" si sono trovati completamente spaesati.

Eppure è da parecchio tempo che stavamo tutti a riempirci la bocca con i vari "è pericoloso, c'è rischio di scontri".
In piazza ci si deve "saper stare".
Magari pensare a un servizio d'ordine quantomeno capace di dire a chi stava ancora ballando contento a via Cavour quello che stava succedendo a San Giovanni. Non servivano i Katanga, per carità, ma qualcosa che sapesse gestire la faccenda forse sarebbe stato utile, no?

E mentre attraversavo gli archi di piazza San Giovanni arrivavano gli idranti proprio dove avevo appena salutato i Compagni, perché come ci ha detto l'uomo che c'ha accompagnati passo passo e quasi per mano,  "Ora è pericolosa. Consideratevi sciolti." e quel pullmino che ci ha fatto da appoggio mo' mi sa che è una carcassa.

E poi torni a casa e devi subire i racconti di chi non c'era e però ha visto la diretta su Rai news, quindi sa meglio di te e quelli che schifano i partiti e però i partiti dove stanno? 
E i giri di messaggi, telefonate e quel cretino che non risponde ai sms e chissà se va tutto bene.

Basta, davvero, per oggi voglio, devo pensare ad altro. 
Basta coi complotti, basta coi bleccheblocche, gli infiltrati, i cappucci, i questuruni.
Basta.

Del 15 ottobre mi tengo solo le cose belle, tipo la signora che ci racconta di quella volta che il SindacoDegliAltri era ancora fascista e l'ha mandata all'ospedale a sprangate.

10 commenti:

  1. Sottoscrivo pienamente. Del resto eravamo insieme!
    Baci bella mia. Luz

    RispondiElimina
  2. Sono "l'uomo che c'ha accompagnati passo passo e quasi per mano", sono contento di averlo fatto. Anche perché così, se ci sarà una prossima volta in cui non ci sarò, sarete in grado di difendervi da sole/i. Anche queste piccole conoscenze bisogna passarle ad altri.
    A proposito del furgone bianco che ci ha fatto sostegno, se ti è capitato di vedere filmati e foto ti sarai accorta che è sparito. Non è bruciato e non era più li. Che fine ha fatto? Chi lo ha posteggiato in posizione strategica?

    RispondiElimina
  3. In effetti ho rivisto un po' di foto. La carcassa che ho visto è di una macchina che però non mi ricordavo fosse lì.

    RispondiElimina
  4. "E poi gli aspiranti delatori: ecco le foto, chi sono questi bruti? Segnalate". Non capisco questa. In un Paese civilissimo come la Gran Bretagna, dopo i violenti scontri di Londra di quest'estate, il contributo della gente all'arresto dei vandali fu determinante e largamente incoraggiato dalle autorita'. Non direi che sia delazione collaborare con l'autorita' all'arresto di chi ha commesso dei reati.

    RispondiElimina
  5. davvero triste che qui finisca quasi sempre così... e ora non si parla d'altro, dimenticando tutto il resto.
    un saluto

    RispondiElimina
  6. Daniele, qua siamo al delirio. Avevo una felpa nera, maglietta nera, jeans, scarpe nere e borsa. Per come sta la gente oggi non mi stupirei se andassi bevuta pure io.

    RispondiElimina
  7. La giornata non ha lasciato di buon umore nemmeno me. Però mi sto facendo delle grandi risate leggendo il titolone in prima pagina del Tempo che ci invita a confessare i nostri peccati e a pentirci perchè nel casino è stata rotta una statuetta della madonna...

    RispondiElimina
  8. A me sta cosa della ricerca spasmodica al cattivone incendiario che si è scatenata per la rete mi fa venire la merda al cervello: dedicassero la metà della metà degli sforzi per denunciare chi non gli fa la fattura, il vicino che c'ha un macchinone da 40.000 euro e ne dichiara 15.000, il consigliere comunale che ne fa più di Bertoldo questa società andrebbe un filino meglio, ma vuoi mettere?

    RispondiElimina
  9. questo è un post che davvero m'è piaciuto leggere, grazie!

    RispondiElimina
  10. Uh, Just Laurè, grazie a te.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.