lunedì 24 ottobre 2011

Il Campidoglio risponde

Mi è arrivata una risposta dal Campidoglio, firmata da tale Luca Panariello, dell'Ufficio Staff del Sindaco e Responsabile dei rapporti con i Cittadini e le Associazioni.
La riporto qui, con qualche commento tra parentesi.

Gentile Arguzia,

porterò il Sindaco a conoscenza della sua lettera e delle disfunzioni che ha denunciato; nel contempo, però, non si può non sottolineare l’eccezionalità degli eventi atmosferici che ieri hanno colpito la Capitale, dov’è caduta una quantità d’acqua come non era mai accaduto da cinquant’anni. [BUM! Li adoro: ogni volta che succede qualcosa, è un incredibile evento straordinario che non si verificava da mezzo secolo. Quanto ancora credono di poter utilizzare questa scusa?]

Non starò qui a sottolineare le carenze strutturali della nostra Città che potrebbero essere risolte con una progettazione ed una programmazione d’interventi che richiederebbero investimenti che appaiono impensabili in questa particolare congiuntura economica, nazionale ed internazionale, che ha determinato, tra l’altro, pesanti tagli per gli enti locali.
[No, invece sottolineiamole: ho parlato altrove dell'Elephant, macchina sturafogne delle meraviglie che nel 2009 abbiamo pagato DUE MILIONI DI EURO. Come è stata usata? Chi ne ha il controllo? E se è stata usata, dati i risultati, evidentemente non vale niente, quindi il compratore, ovvero il SindacoDegliAltri, dovrebbe risponderne ai cittadini che l'hanno pagata]

In particolare, come ha ricordato l’Assessore Ghera, la rete delle fognature non riesce a sopportare tante ore di pioggia ininterrotta. Negli ultimi anni questa amministrazione ha incrementato gli interventi di manutenzione delle 400 mila caditoie che sono presenti a Roma. Ad esempio, solo negli ultimi sei mesi, ne sono state ripulite e ricostruite oltre 16 mila. Inoltre, si sta lavorando per potenziare la rete fognaria proprio in quelle zone periferiche dov’è maggiore tale carenza, con un investimento complessivo di oltre 70 milioni di euro.
[Tre ore. Ha piovuto tre ore, non di più. Famo tre e mezza così arrotondiamo.]

Per quanto concerne i danni subiti dalle famiglie e dalle imprese, come certamente saprà, il Sindaco ha già chiesto alla Regione Lazio ed al Governo il riconoscimento dello stato di calamità naturale. Questo consentirà di poter risarcire chi ha subito una remissione economica e giustificherà chi non si è potuto recare al proprio posto di lavoro a causa del maltempo.
[Lo stato di calamità lo pago comunque io, lo pagano le famiglie e lo pagano le imprese. Ed è vergognoso che lo si chieda ad ogni problema. Se si chiama "calamità" ci sarà un motivo, perdio! E poi la giustificazione la voglio subito, che il mese è praticamente finito e risulta che ho lavorato tre ore in meno.]

Mi è dispiaciuto leggere delle situazioni che ha affrontato, in particolare quando ha affermato di aver avuto paura. Ovviamente chiederò di verificare quanto scrive riguardo l’assenza di vigili urbani anche se credo giusto sottolineare che sin dalle prime ore della giornata di ieri la Polizia di Roma Capitale ha collaborato con i gli oltre 400 tra volontari ed operatori della Protezione civile capitolina che sono intervenuti in tutta la città per far fronte al nubifragio.
[Oh, sì, lo so che a voi piace tanto pensare alle pulzelle in pericolo, ma per la cronaca, ogni attimo di paura era una maledizione a voi, incompetenti e incapaci che uccidete la mia Città.]

Ribadisco l’impegno del Sindaco e di tutta l’amministrazione ad operare proficuamente affinché si pongano in essere tutte le soluzioni necessarie ed utili per migliorare la vivibilità di Roma e la qualità della vita dei romani, soprattutto in occasione di eventi eccezionali e drammatici come quelli di ieri.
[AHAHAHHAHHAHAHHAHAHHAHAHHAHAHAHAHHAHAHHAHAHAH!]

Un saluto [romano?]

 Che odio.

1 commento:

  1. Eh ma che ti aspettavi?

    "Siamo dei coglioni del cazzo, e il sindaco non sa neanche come è fatta la sua città (cfr INTERNETTO, per dio), e l'ha riempita di incompetenti"

    Daje su ^^

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.