martedì 4 ottobre 2011

Nun joo famo fa'!

Vado al Consultorio che mi cura ormai da anni. Ci vado per fare tutte quelle cose che una donna deve fare per la sua salute: pap test, analisi, controlli periodici e robe varie.
E' a san Lorenzo, sta lì da decenni.
E lavora bene.

Quindi potete immaginare le parole che sono uscite dalla mia bocca quando sulla cancellata del mercato di largo degli Osci ho casualmente letto questo:


Come abbiamo più volte denunciato in tutti i modi, il sindaco Alemanno e le sue giunte - in linea con quanto sta preparando il governo Berlusconi assieme alla Lega con la nuova manovra finanziaria - continuano senza sosta ad impoverire la nostra città e i nostri quartieri.
Precarietà, paura, abbandono, violenza ed ignoranza sono elementi fondanti della cultura politica del sindaco Alemanno che riesce ad arricchire la nostra città solo di parole e menzogne che cominciano a fare molto male a centinaia di donne e uomini.
Prima del voto sul bilancio del comune di Roma la destra di questa città aveva proclamato di non toccare in alcun modo le risorse assegnate ai servizi sociali.
Questa è una bugia gravissima che smaschera definitivamente l’anima fascista e antipopolare del sindaco e della sua banda; il nostro municipio è stato punito e svilito da una pesante diminuzione dei fondi per il sociale e chi pagherà le conseguenze sarà proprio la parte più fragile della cittadinanza: anziani, minori a rischio, portatori di handicap, sfrattati e malati.
In questo pacchetto di tagli al sociale per il 3° municipio rientrano: prima fra tutte la chiusura del Centro Anziani fragili di via degli Equi e, a seguire, la chiusura del Consultorio di L.go degli Osci, la cessazione del trasporto a chiamata per gli anziani, l’eliminazione dei fondi destinati ai minori a rischio e alle strutture che li ospitano, l’interruzione dei servizi per i portatori di handicap, tagli sull’assistenza domiciliare e l’emergenza abitativa.
I soldi che vengono sottratti ai municipi spesso vengono destinati a rimpolpare stipendi di lusso per gli “amici degli amici” o sono destinati a fondi illimitati per strutture private dove per accedere sono necessari parecchi soldi.
Accanirsi sui più deboli è infame e vergognosa è la logica per cui la crisi economica la debbano pagare proprio i cittadini più svantaggiati.
NON PERMETTEREMO A NESSUNO DI TOCCARE I NOSTRI SERVIZI SOCIALI
GIU’ LE MANI DA VIA DEGLI EQUI
GIU’ LE MANI DALLE NOSTRE VITE
ASS. CULTURALE VOLSCI 32
RINO FABIANO Consigliere municipio 3° Roma in ACtion
per comunicazioni: rino.fabiano@yahoo.it

La mia ginecologa e la sua segretaria non ne sapevano niente, quindi mi hanno chiesto di andare a prendere un volantino.
Sono corsa al 32 (via dei Volsci) e la cosa più bella che ho sentito me l'ha detta un tizio che era lì: "'o vònno chiude... è diverso... vònno... ma noi nu' joo famo fa'."

Vi prego, diffondete questo comunicato, è importante.

Nessun commento:

Posta un commento

Sproloquia pure tu.