venerdì 29 giugno 2012

Tutto il mondo è paese.

C'è una cosa che unisce tutti i paesi, anche quelli lontani geograficamente e culturalmente: la colpevolizzazione delle donne e la repressione della loro libertà.

Così capita che a Shanghai per "contrastare" le continue molestie sessuali nella metropolitana, si decida che la colpa è delle donne e che il solo modo per evitare di essere molestate sia coprirsi.

I gestori della metropolitana avrebbero postato questa foto commentandola così su twitter:
"Se ti vesti così per andare in metropolitana è comprensibile che riceverai molestie sessuali! Ci sono troppi pervertiti sulla metro tutti i giorni e noi non possiamo prenderli tutti. Ragazze, dovete prima rispettare voi stesse".

La protesta è arrivata, con decine di ragazze che si sono presentate in metro col volto coperto e indossando il burqa.


Insomma, ancora una volta in ultima analisi la colpa è delle donne che non si rispettano abbastanza e che quindi sono comprensibilmente molestate.

Vorrei poter dire che qui da noi certe cose non succedono, ma sappiamo tutte che non è così.

A tutte noi è capitato di essere state molestate e di esserci sentite dire "eh, ma pure tu che vai in giro così".
Tutte noi più o meno inconsciamente evitiamo certi luoghi in determinati orari. 
Tutte noi ci copriamo un po' di più se dobbiamo andare in uno di quei posti considerati a torto o ragione "a rischio".

Anche questa è perdita di libertà.

2 commenti:

  1. mi fanno proprio ridere quelli che giustificano le molestie dicendo che è perchè ci vestiamo in un certo modo. non so quante volte mi è capitato di essere toccata e palpata sul bus a Torino, eppure indosso spesso un banalissimo paio di jeans.
    penso che dovremmo organizzare iniziative del genere anche in Italia!

    RispondiElimina
  2. io non capisco perché ai ragazzi con i pantaloni a vita bassa e la maglietta aderente queste cose non succedono, eppure sono sexy!
    Sarà che forse siamo più evolute?
    Io se trovo sexy un uomo non lo molesto, voi?

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.