venerdì 7 settembre 2012

Di madre in figlia

Su facebook Lorenzo condivide questa foto:


cui allega il suo pensiero:

Gioca anche tu all'esegesi della merda! [Commento tra parentesi quadre]

- L'emozione di sgobbare in casa va tramandata alla figlia perché è giusto che sgobbi pure lei [a mà, ma va un po' affanculo]
- L'emozione di una casa pulita è un valore da tramandare alle generazioni future [il nazismo è cominciato così]
- Una casa pulita mi fa provare un'emozione tale che anche mia figlia deve imparare a trasmetterla [scusa mamma, preferisco il sesso, la cultura, lo sport, o tutt'e tre insieme]
- Siamo due serve emozionate e ce ne vantiamo, e tu no? [scusate, preferisco vivere]
- Se ho fatto così io, devi farlo pure tu [sai che ci puoi fare, con quegli scopettoni?]

Non è che ci sia molto da aggiungere alle sue parole, ma ci provo.

Vedo una mamma bella (ma non troppo), giovane (ma non troppo), dimessa (ma non troppo), rassicurante e una bella bambina di bianco vestita che è la mamma in miniatura. 

Sono sorridenti in una bella casa, splendente e asettica, impersonale e sembrano avere una buona posizione economica (valli a mette te quel parquet e quegli infissi, poi ne riparliamo).

E si abbracciano in mezzo al nulla, tra una pianta e dei flaconi di detersivo.

E si tramandano emozioni.

Emozioni che solo tra donne possono essere tramandate.
Emozioni che i maschi, poverini, non proveranno mai. 
Emozioni che meritano una bella foto da mettere nell'album di famiglia, o magari in una bella cornice sul caminetto.

Ah, l'emozione delle pulizie di casa!
Chi di voi non si è emozionata in ginocchio a lavare il water?
Quante lacrime di emozionata gioia avete pianto, amiche, cercando di raccogliere fino all'ultimo pelo del vostro amato amico a quattro zampe?
E quelle mattine domenicali passate a lavare montagne di piatti incrostati... ah, la gioia, la felicità, l'emozione!

Eccole le vere emozioni che si tramandano di madre in figlia: scopettoni, stracci, detersivi.

Adesso però ditemi che siamo noi ad esagerare.
Venitemi a dire che in Italia non c'è un problema, che il sessismo è un'invenzione delle femministe, che questa pubblicità non è sessista, che non svilisce la figura della donna.
Venitemi a dire che non c'è bisogno del femminismo.
Venitemi a dire che non è vero che le bambine crescono bombardate di immagini che le vogliono massaie o puttane.

E grazie, grazie, grazie a mia madre, che una stronzata simile l'avrebbe liquidata con un "vaffanculo".

4 commenti:

  1. Sarebbe stato molto più interessante mettere tutta la famiglia: mamma, figli e papà compreso a pulire usando uno slogan tipo "Insieme si fa prima!"

    RispondiElimina
  2. Brava Azzurra, è stato il primo pensiero che mi è venuto in mente, mi fa piacere che non sono sola! doti52

    RispondiElimina
  3. E' sabato e me tocca fa le pulizie, non da solo per fortuna. Dimmelo a me!

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.