lunedì 21 ottobre 2013

Di sesso, divertimento e stupro.

Modena.
Sedici anni.
Va a una festa e cinque suoi compagni di scuola la stuprano a turno dopo averla fatta bere.

Non riesco nemmeno ad immaginare una cosa del genere, ma quel dolore me lo sento nella carne.

E nella carne sento una rabbia che non riesco nemmeno ad esprimere leggendo le parole di Giovanardi, non nuovo ad uscite vergognose, che sputano veleno sulle vittime di violenza che non soddisfano i suoi requisiti "etici".
Non voglio entrare nel merito della vicenda che l'Autorità giudiziaria dovrà chiarire in tutti i suoi controversi aspetti. Quello che ritengo insopportabile sono certe dichiarazioni, tra l'indignato e il meravigliato, come se fosse possibile, 364 giorni all'anno, dileggiare ogni regola ed ogni principio educativo, presentando la sessualità come uno dei tanti beni di consumo, e poi scandalizzarsi se i ragazzi non si rendono neppure conto dell'inaudita gravità di certi comportamenti.
Se si sgancia la sessualità da un rapporto di amore e di rispetto reciproco svalutandola a livello di semplice divertimento, non ci si può illudere di risolvere il problema attraverso la repressione penale.
Capito?
Per Giovanardi il punto cruciale è che la sessualità viene sganciata "da un rapporto di amore e di rispetto reciproco".
Il problema per lui non sono cinque ragazzi che fanno ubriacare una ragazza per poi abusarne.
No, per lui il problema è che ci siano persone che fanno sesso "a livello di semplice divertimento".
E c'è poco da stupirsi se con tutta questa libertà ci scappi una violenza.

Avrebbe potuto approfittarne per parlare di educazione ad una sessualità consapevole, di rispetto, di lotta alla violenza di genere. 
Invece no.
E la colpa, di nuovo, sembra essere tutta delle donne stuprate, che magari fanno sesso spesso e volentieri, addirittura "slegandolo" da uno stabile rapporto amoroso.

Quante volte abbiamo sentito dire "guarda quella come va in giro, poi si lamenta se la stuprano"?
Quante volte abbiamo sentito dire "quella se l'è cercata"?
Quanti commenti odiosi siamo costretti ad ascoltare davanti ad ogni gonna corta, ad ogni maglietta scollata, ad ogni donna che rivendica il suo diritto di vivere la propria vita e la propria sessualità come meglio crede?

Dovremmo cominciare tutte e tutti noi a rispondere ogni volta a tono a parole come queste, perché solo così smetteremo di sentire commenti vergognosi come quello di Giovanardi.






4 commenti:

  1. il rispetto reciproco o la mancanza di rispetto può esserci sia dentro una relazione "stabile" sia fuori e il divertimento (anche nel sesso) inteso come desiderio sarebbe bene se ci fosse anche nelle coppie stabili e talvolta c'è. anche per questo, le parole reazionarie di Giovanardi non hanno senso costituendo l'ennesimo attacco alla libertà delle donne e non solo delle donne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e secondo me la mentalità sessuofoba dei fondamentalisti religiosi come giovanardi fomenta degli stupri molto più della mentalità che giovanardi attacca

      Elimina
    2. è chiaro e difatto lo fa apposta proprio perchè i capi religiosi (ior e altre banche) glie lo chiedono. l'italia deve ricadere nella merda per dar spazio a un nuovo duce per ricalibrare la ricchezza mondiale come per la seconda guerra "mondiale" appunto. far finta di ammazzare tutti gli ebrei ma in realtà si ammazzarono solo i poveri e gli scomodi per selezionare la razza.
      del resto ci governano le banche per cui i politici e i capi erligiosi fanno quello che chiedono

      Elimina
  2. di strada da fare ce ne è ancora tanta ...mi spiace

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.