venerdì 31 gennaio 2014

Il mio primo ciclo. Silvia e una donna che purtroppo non so come si chiama.

Il mio primo ciclo fu un sollievo.
Nella mia classe, terza media, tutte le mie compagne erano già diventate “signorine”, mentre io restavo in attesa con grande ansia.
Ebbene sì, lo confesso, a soli 13 anni avevo una gran paura di restare sterile, di non poter avere figli/e.
Il primo ciclo arrivò e mi diede serenità e gioia. [Silvia]

11 anni e mezzo, pomeriggio di giugno, una marea di bambine/i a giocare come sempre nel cortile. Salgo un secondo a casa per fare la pipì e scopro la fatidica macchia, tornano alla mente il discorso fattomi un bel po' di tempo prima da mia zia e poi da mio padre (son cresciuta senza mamma, con lui) stroncato da un mio "so già tutto" imbarazzato del suo imbarazzo.
Insomma so tutto ma con un gran peso sul cuore e lo stomaco stretto faccio finta di niente, sistemo un quadrato di carta igienica sulle mutandine e torno giù a giocare. Gioco tutta la sera ma ho il cuore stretto. Torno su per cena, poi vado a dormire senza mai fare tappa in bagno...l'indomani mattina è evidente che non posso più negarlo, esco dal bagno con le gambe strette sotto la camicia da notte, incontro nonna nel corridoio che lo capisce con uno sguardo e mi abbraccia consolando il mio pianto. Poi mi dà un assorbente (30 anni fa, si il materasso con un centimetro di colla, impossibile resti fermo dove lo metti). Le lo comunica alle zie e a nonno, babbo mi fa gli auguri perchè son diventata donna.
Niente divieti nè segreti, un argomento in più da condividere con le amiche.
Ps. una compagna di scuola si stupì visibilmente quando le risposi che, si, io facevo il bidè durante le mestruazioni, anzi lo facevo più del solito... capii cosa fosse quell'odore che a volte lei emanava e sperai che rivalutasse le sue abitudini, mi sembrava terribile aver paura di lavarsi e la conseguente poca confidenza col proprio corpo. [Anonimo]


Se avete voglia di raccontare le vostre prime mestruazioni: ritentasaraipiufortunato@outlook.it

1 commento:

  1. Mancavano pochi mesi ai 12 anni, mi sentivo grande ma quel giorno sono tornata bambina. Ero a casa da sola e all'improvviso mi viene un gran mal di pancia e la dissenteria, dolori fortissimi che mi fecero piangere, poi vedo del sangue e penso che morirò dissanguata perché ho un'emorragia!
    So tutto delle mestruazioni, mamma me lo ha spiegato più volte ma quel pomeriggio è il panico!!
    Prendo la bici e corro a casa da mia nonna, così ottengo le coccole e la camomilla e tutto appare per ciò che è.
    Ma non tutto finì bene, non avendo potuto assolvere ai compiti dati in consegna dalla mamma, prima che nonna potesse spiegare ho preso un ceffone!

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.