mercoledì 5 febbraio 2014

Il mio primo ciclo. Anonima.

Avevo 12 anni, era il 2002... mia madre si è commossa.
È venuto fuori in un momento del cavolo, ero fuori con amici dei miei e la mamma ha dovuto chiedere un assorbente, quindi lo vennero a sapere tutti nel ristorante, lo trovai molto imbarazzante perché sono estremamente riservata e non mi piace raccontare i fatti miei, quindi se avessi potuto buttarmi nel water e tirare l'acqua lo avrei fatto volentieri, anche perchè era tutta colpa mia che avevo visto una macchia rossa sul costume quando ero andata a farmi la doccia ma l'avevo ignorata, ma ero una bambina ed ero andata nel panico... fortunatamente nessuno trovò opportuno farmi i complimenti.
Solo un'amica di un anno più piccola mi chiese se faceva "così male".  In realtà no (per averlo detto immagino di essere stata puntita negli anni successivi).
Cambiò solo che il giorno dopo non potei fare il bagno, mia madre non mi ha mai fatto segreto dell'uso degli assorbenti interni, sono io che li odio... come odio tutto quello che ha a che fare con il ciclo, sanguinolento, doloroso e abbondante (a me fa schifo il sangue quindi la trovo una punizione divina).

Per fortuna il mio disprezzo per il ciclo dipende dalla mia fobia del sangue. Nessuno mi ha detto che sarebbe cambiato qualcosa, mia madre si è commossa ma credo che alla fine sia normale davanti alla crescita dei figli, ma non ho sentito alcuna telefonata, nessuno mi ha fatto le congraturazioni, nessuno mi ha impedito di lavarmi o di toccare le piante... e per fortuna quando ero in quel bagno pubblico coperta di vergogna immaginando mia mamma che chiedeva assorbenti in giro mi resi conto che non era poi così grave avere avuto il ciclo! quindi evviva mi sento moooolto fortunata.



Per raccontare il vostro primo ciclo: ritentasaraipiufortunato@outlook.it.

Nessun commento:

Posta un commento

Sproloquia pure tu.