mercoledì 30 aprile 2014

Il mio primo ciclo. Maria Pina.


Io non ho mai avuto un buon rapporto con il mio corpo e con il mio ciclo.
Sapevo già a grandi linee cosa fossero le mestruazioni, vedevo mia madre in bagno che me lo raccontava e io le dicevo:"Davvero è normale? Anche tizia ce l'ha?" e lì facevo esempi di persone che conoscevamo perché mi sembrava strano che tutte le donne avessero il ciclo.
La mia prima volta è stata nell'aprile 2000, avevo dieci anni ed ero in quinta elementare.La mattina mentre mi facevo il bidet, ricordo che trovai un pezzo di pelle (??? Non so cosa potesse essere) ma non ci avevo fatto molto caso.
A scuola facevo il rientro, nel pomeriggio andai in bagno e vidi le mutandine abbastanza sporche di sangue scuro e ricordo di aver chiuso gli occhi e aver pensato "No!". Ritornai in classe senza dire niente a nessuno e quando arrivai a casa non lo dissi a mia mamma perché c'era mio padre e quindi mi vergognavo, e rimasi con questo "segreto" tutta la notte.La mattina dopo nascosi le mutandine nel cesto della roba sporca e andai a scuola pensando che magari non si sarebbe ripresentato. E invece eccolo lì! Allora poi sono tornata a casa e a mia madre ho detto "Ho le mutande sporche di sangue" tutta imbarazzata.Lei ha capito,ha sorriso e mi ha portato in bagno dove mi aveva spiegato come mettere l'assorbente.
Di avvertenze ricordo solo:"Ora potrai rimanere incinta" (Ma la spiegazione dei rapporti sessuali avvenne a 12/13 anni quando ormai già sapevo), "Non dirlo ai compagnetti maschi". Anche io ho avuto le mutande plastificate (mi sono venute in mente proprio l'altro giorno) che facevano caldissimo e quegli assorbenti bruttissimi, senza ali che si rompevano subito.
In classe mia ero l'unica che l'aveva avuto e mi vergognavo tremendamente, infatti quando mi chiedevano negavo xD anche se mia madre l'aveva detto a tutte le altre madri.
Non ricordo un giro di telefonate ai parenti, ma peggio, quando li incontravamo veniva detto. Ah, mio padre lo seppe il giorno stesso in cui lo dissi a mia madre, io ero lì davanti mentre glielo diceva e facevo finta di non sentire, mentre lui le diceva:"Adesso le hai spiegato tutto si?" e lei" Certo, certo!"
Mostrai interesse verso gli assorbenti interni verso i 15 anni e mia madre non li prese mai (forse li trovava strani perché si infilano o.O , infatti ricordo che lo disse in modo imbarazzato a mia madrina che li volevo e quella le rispondeva "è normale, li uso anche io.), tutt'ora,a 24 anni, non li ho mai provati.
Anche a me fa schifo il sangue in generale, quindi tutto quello che ha a che fare con il sangue e il ciclo mi fa schifo, e poi per almeno 5/6 anni l'ho avuto super dolorosissimo, con conseguenti bestemmie, pugni sul letto e sperare che il tempo passasse in fretta e la menopausa fosse vicina.
Comunque in casa mia è sempre stata una cosa imbarazzante,mia madre che non aveva avuto una spiegazione dalla madre, ai suoi tempi a 15 anni, ma dalla sua datrice di lavoro sicuramente l'ha vissuto sempre come un tabù e mio padre che è di quegli uomini che si schifano quando sentono parlare di ciclo e cose simili.
Si chiamano "quelle cose" e non mestruazioni, anche con mia sorella non ne parliamo.
Per anni ho provato imbarazzo nello comprare gli assorbenti (anzi, non li compravo proprio.Mandavo mia madre.) e infatti, quando mi sono messa con il mio ragazzo a 16 anni e ho saputo che l'argomento non gli faceva né caldo né freddo sono rimasta meravigliata e anzi, è bello adesso parlarne con lui o parlarne con amici maschi apertamente e normalmente, come dovrebbe essere.
Oppure bello scoprire che un assorbente o uno slip macchiato leggermente di sangue non da fastidio! Io realmente sono rimasta meravigliata, infatti al mio ragazzo dicevo "Mi vergogno più io di te di comprare gli assorbenti."
Comunque ripensando alla mia esperienza e leggendo le altre, mi fa capire cosa non farò se e quando avrò una figlia. [Maria Pina]

Per raccontare le vostre prime mestruazioni: ritentasaraipiufortunato@outlook.it  

Nessun commento:

Posta un commento

Sproloquia pure tu.