mercoledì 24 settembre 2014

Di corpi nudi, minacce e femminismo.

I commenti di tanti uomini al discorso di Emma Watson erano prevedibili e sono sempre gli stessi, ovunque.
I vari "cagna femminista" e "puttana" si sprecano, accompagnati da giudizi sulle sue capacità di attrice, sull'utilità dell'ONU che fa parlare proprio chiunque e falsità varie sul femminismo.



La parola femminismo fa schifo, è roba vecchia e poco importa se Watson ha detto chiaramente quello che in tante andiamo ripetendo da decenni e cioè che il femminismo è la convinzione che uomini e donne devono avere gli stessi diritti e le stesse opportunità. È la teoria dell'uguaglianza politica, economica e sociale dei sessi.

Quello che si continua a voler far passare è che esista un non meglio specificato "femminismo antiuomo", che teorizza la supremazia delle donne e la prevaricazione del maschio. Sarebbe bastato ascoltare il discorso per capire che no, il femminismo non è odio verso gli uomini. Non lo è mai stato e non lo sarà mai.
Indubbiamente, però, perché ogni femminista possa venire immediatamente riconosciuta come nemica è necessario puntare sulla "misandria", dal momento che nessuna persona sana di mente troverebbe mai da ridire sull'idea che tutte e tutti dobbiamo avere gli stessi diritti, doveri ed opportunità.

Ma dopo tutto, cosa ci si aspetta da chi crede che le femministe "sono il motivo del crollo socioeconomico degli stati uniti" e che le (cagne) femministe dovrebbero essere messe a morte o nelle mani di "un mussulmano" con la cinghia?

"Erminiottone" fa sorridere, soprattutto chi è di Roma ed è stato/a adolescente negli anni '90, quando si diceva che uno dei terribili fascisti di piazza Ottavilla si chiamasse, appunto, Erminio Ottone.



E non poteva, ovviamente, mancare lei, l'odiata per eccellenza: Laura Boldrini, la prova provata dell'inutilità dell'ONU.

Vabbè, queste sono note di colore, cose che vediamo ogni volta che qualcuna di noi (intendo "noi donne") osa parlare pubblicamente di femminismo e fino a qui, niente di che: come detto, ci siamo abituate e leggere tali bestialità non fa che aumentare la nostra voglia (e il nostro bisogno) di andare avanti.

Perché, care mie, non possiamo pretendere di prendere parola pubblicamente, di  esprimere le nostre idee, di dire quello che pensiamo e immaginare di farla franca. Tantomeno possiamo dire "sono femminista" in pubblico senza che questo abbia delle conseguenze.
Se poi proprio non sappiamo tenerci un cecio in bocca e decidiamo di parlare, allora, care, sono fattacci nostri.

Il campionario dell'insulto-tipo è noto e non starò qui a fare l'elenco.

Mi interessa quello che è successo dopo.

A seguito della presentazione di #HeForShe è spuntato il sito "Emma you are next", un conto alla rovescia, al termine del quale sarebbero state messe on line delle foto di Emma Watson nuda.
Fino a ieri quella pagina era considerata reale e We Hunted the Mammoth spiegava chiaramente perché non la si potesse prendere sotto gamba.
L'update di oggi dice che probabilmante invece quel sito è davvero una bufala ed ha a che fare con la sicurezza e la censura in rete. C'è anche una lettera da mandare ad Obama per far chiudere siti che avrebbero fatto girare foto private di altre celebrità (QUI).
In ogni caso, quanto è successo ci dice qualcosa, perché quello che si minacciava era l'esposizione di un corpo sulla pubblica piazza.
Non un indirizzo di casa o il conto in banca, ma un corpo nudo.

Chi ha creato la bufala evidentemente sapeva benissimo che questo avrebbe fatto salire l'attenzione più di ogni altra cosa.

Quello che ci viene detto da quanto accaduto è che la migliore arma contro una donna che si alza e prende parola è l'intimidazione.
E infatti la cosa è risultata facilmente credibile ed ha avuto un seguito impressionate, mostrando a tutte e tutti quale sia la portata di odio per il femminismo e per le donne che si dichiarano femministe che gira sul web.

Un tizio ha scritto che "ora tutto il mondo saprà che lei è una puttana come qualsiasi altra donna".
Se sei nuda sei puttana. Anche se sei nuda a casa tua, magari col tuo compagno, con la tua fidanzata o con tuo marito o mentre sei sotto la doccia in palestra.
Se ti spogli sei una puttana.
O meglio, se ti spogli e hai un'opinione che io non accetto, allora sei una puttana. Come "qualsiasi altra donna".

Quello che ci dicono commenti come questi è che per una donna, per ogni donna, prendere posizione non è gratis, non lo è mai stato: ci sarà sempre qualcuno pronto a "rimetterci al nostro posto", usando perfino la nostra persona e il nostro corpo come arma. O peggio.

Vera o no, la minaccia della pubblicazione di  foto di nudo è un messaggio chiarissimo a tutte le donne: se alzerete troppo la cresta, noi vi colpiremo, vi umilieremo, useremo il vostro stesso corpo per mettervi alla gogna.

Riflettevo su questa minaccia insieme a Je (Cambio Pelle, da leggere): il nostro corpo usato come arma di ricatto contro di noi, contro le nostre idee.

Usarci per colpirci.
Prendere possesso di ciò che ci appartiene per, usando le parole di Je, "puntarcelo contro come una pistola".

Non serve pensare troppo a Emma Watson.

Le cronache sono piene di ragazzine e donne i cui corpi nudi vengono dati in pasto alla rete da ex fidanzati, compagni di scuola, amici...
Foto di nudi o video di atti sessuali, usati come arma di ricatto, come ultimo insulto, per umiliare nel peggior modo possibile, come mezzo di coercizione.

Ecco a cosa serve il femminismo.

Serve a rispondere a chi ci minaccia, a chi ci vuole mute, a chi ci vuole sempre chiuse in gabbia, silenziose, sottomesse, rassicuranti.

Serve a poterci esprimere, a poter decidere del nostro corpo, delle nostre vite.

Serve ad avere i medesimi diritti e i medesimi doveri degli uomini.

Serve a poter studiare, lavorare, crescere.

Ed è questo che davvero terrorizza chi ci irride, chi ci insulta, chi ci minaccia: che noi diventiamo consapevoli dei nostri diritti, delle nostre potenzialità, della nostra forza.

Che ci alziamo in piedi a pretendere quello che ci spetta, a prendercelo senza chiedere il permesso, senza dire "grazie" o chiedere scusa a nessuno.

Il fatto che un'attrice bella e famosa abbia preso parola deve averli terrorizzati.

Insomma, un conto è la femminista pelosa, con le sopracciglia troppo folte, senza trucco e coi capelli arruffati, quella che immaginano siamo tutte. Un altro è una donna bella, famosa, che potrebbe (orrore!) avere un seguito tra le altre.



7 commenti:

  1. senza andare tanto lontano, senza arrivare a minacce e foto rubate... basti pensare alle foto della Boschi inquadrata di sedere mentre firma al giuramento, e a tutti i dibattiti che sono seguiti sui giornali sul blu elettrico del suo completo, se fossero opportune le calze velate di un'altra ministra, se la ballerina fosse meglio del tacco a spillo. anche dietro al più "ingenuo" (per finta) articolo di giornale si cela il peggiore maschilismo, quello che vuole dire alle donne "state al vostro posto, chi vi credete di essere", quello che riduce tutte noi a corpi da sfruttare. ma non c'è bisogno di femminismo, no certo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi le foto al mare, le classifiche della parlamentare più bella, il culo più sodo della storia della Repubblica...
      No, non c'è bisogno di femminismo, siamo noi che siamo fissate.

      Elimina
  2. la diffusione di foto private (a prescindere dal contenuto) è un reato e chi lo fa andrebbe punito.

    RispondiElimina
  3. Ciao Lola, ti scopro solo oggi grazie a un link di Senonoraquando.
    D'ora in poi ti seguo. Grazie per scrivere ancora di questo.
    Mt

    RispondiElimina
  4. ogni volta che mi trovo davanti a questi articoli, penso sempre alla schiera di donne che pubblicano foto #IDontNeedFeminism, tutte pubblicate, una dietro l'altra, da schiere di testate giornalistiche entusiaste al grido di: "che brave! loro sì che capiscono cos'è la vera uguaglianza!". per questo non mi stupisco affatto di questo genere di commenti, dei soliti "cagna" e "mo' je tiro du' pizze così impara". non mi stupisce per nulla notare come sia ancora e da sempre una questione di predominio, un non voler perdere, da parte degli uomini, tutta quella serie di privilegi e trattamenti speciali che li mettono un gradino sopra alle donne. e così si infuriano berciando frasi come "ma che è sta misandria? ah ma allora se uno è misogino, deve essere bruciato vivo, ma quando è una donna a dire che noi uomini siamo tutti stronzi e che siamo peggiori allora..", senza capire che noi donne vorremmo soltanto metterci a fianco a loro, perché vogliamo uguaglianza, nient'altro. ma d'altro canto qui mi sembra che sia per loro più importante andare contro una donna perché è una donna, piuttosto che andare contro a un'idea vera e propria.

    RispondiElimina
  5. c'è bisogno di femminismo almeno in Italia visto i commenti. altro che roba vecchia.. altro che musulmani. gli italiani sono pure peggio è poi basta con questa storia dei musulmani sessisti e violenti che è solo uno stereotipo. ad una religione non si può attribuire un atteggiamento ma ben si nella testa degli uomini. in cosa sono europei gli italiani se dai commenti si nota che qui la donna deve stare solo zitta soprattutto se parla di parità... sono schifata

    RispondiElimina
  6. Grazie di esistere.
    La penso esattamente come te, su tutto, ma appena apro bocca mi dicono tutti che sono pesante.
    Un giorno vorrei scrivere un libro sull'argomento e magari, vorrei poter chiedere il tuo aiuto.
    C.G.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.