giovedì 8 gennaio 2015

Domande.

Al di là di Parigi, mi chiedo se, quando a compiere certi atti sono persone nate e cresciute insieme a noi, forse non sarebbe il caso di interrogarci anche sulla nostra società, sulle bugie che ci raccontiamo (e che ci vengono raccontate) su integrazione, tolleranza e convivenza.

Magari cercare di vedere senza ipocrisia cosa offre questo meraviglioso occidente a chi occidentale non è per "diritto di nascita", mostrando un volto bonario e straparlando di integrazione e rispetto.

Perché se uno della mia età, che è nato, cresciuto e ha studiato come me in una bella e multiculturale città occidentale decide di andare affanculo ad ammazzare gente in nome di non so bene cosa, evidentemente il problema è anche della bella e multiculturale città occidentale che lo ha "accolto".

Poi, boh, magari non c'ho capito un cazzo io.

[Sì, lo so, mi sono spiegata di merda, ma mi rode troppo il culo.]



Consigli di lettura:
Il massacro di Charlie Hebdo e il triste delirio islamofobo (Baruda)




Londra
(Foto di Val)

Nessun commento:

Posta un commento

Sproloquia pure tu.