giovedì 19 marzo 2015

Momenti di estremo romanticismo filiale.

Ma sì, che me frega.
Diamo un po' di romanticismo a questo blog.

Quindi, auguri a mio padre.

Auguri perché mi avrà portato al Pigorini mille volte.
Perché mi portava al cinema.
Perché mi comprava Airone junior e L'Illustrazione dei Piccoli.
Perché mi portava a villa Pamphilj e si sdraiava a leggere il giornale su un tronco che pareva messo lì apposta.
Perché andavamo in bicicletta. Prima sul seggiolino della sua Bianchi blu (è una Bianchi, pa'?) e poi in giro con la mia adorata Bmx.
Perché per la festa della mamma andavamo a prendere l'azalea a piazza del Popolo.
Perché faceva fare il giro in moto ai miei compagni e alle mie compagne di classe prima di scuola.
Perché remava sodo per farmi fare il bagno al largo.
Perché prendeva il polpo per farcelo vedere e poi lo rimetteva al suo posto.
Perché mi ha messo le bombole.
Perché giocava coi lego pure se una volta ha distrutto la casa costruita con tanta fatica.
Perché guardava i cartoni delle 8, esclusa Milly, un giorno dopo l'altro che proprio non la sopportava (ma non se lo ricorda).
Perché quando mi vestiva per andare a scuola cantava "per te che di mattina svegli la tua bambina e poi, la vesti per andare a scuola e al tuo lavoro vai" (secondo me non si ricorda manco questa).
Perché non sapeva cucinare praticamente niente altro che l'uovo frittellato e ora invece è un cuoco provetto.
Perché provava a farmi i codini (con scarsi risultati) e mi chiamava "cocker".
Perché cantava "su comunisti della capitale" in macchina e "il pescatore" al ritorno dalle passeggiate in montagna.
Perché mi faceva il bagnetto e mi dava le pasticchine per i denti (non so perché io le ricordi con tanta nostalgia).
Perché mi ha comprato la pista Champion Polistil e due pile di libri per la Befana.
Perché non mi ha mai detto "non sei capace" (nonostante la matematica e le ossidoriduzioni).
Perché mi ha insegnato a difendermi da sola.
Perché mi ha insegnato a leggere.
Perché in spiaggia faceva sempre il vulcano e mi faceva fare i tuffi.
Perché mi ha insegnato a montare la tenda e a guidare il motorino (la macchina no: abbiamo resistito una lezione, poi abbiamo litigato). 
Perché commenta UPAS meglio di qualsiasi blogger.
Perché abbiamo litigato tantissimo.
Perché "da tanto ride annamo a piagne".

E perché quello che ha fatto e sta facendo in questi ultimi anni non ci sono le parole per dirlo.

E mo' vergognati, pa'.

P.s. ti voglio bene, ma non ti porterò i bignè ché oggi c'ho da fare.


Agosto 1979

4 commenti:

  1. Ci riprovo (eheh) dopo che mi ha cancellato ciò che avevo scritto. Fb ammazza i commenti nei blog e per fare il contrario ti dico che è tutto molto bello meno il fatto che tifa per la Juventus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, che te lo dico a fa'.
      Però ha imparato a fare i calamaretti affogati.

      Elimina
  2. Ma perche` sono tutti fissati con le ossidoriduzioni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che ne so, io poi in chimica ero una pippa al sugo.

      Elimina

Sproloquia pure tu.