lunedì 11 maggio 2015

Marci per la vita.


Domenica a Roma c'è stata la quinta edizione della Marcia per la Vita, organizzata da movimenti ultracattolici antiabortisti e partecipatissima da fascisti, suore, preti e farmacisti obiettori, che dopo essere andati a farsi benedire da Papa Francesco hanno sfilato fino alla Bocca della Verità, tra crocifissi e madonne.





Per la quarta volta sono andata a vedere, spinta da un misto di masochismo e interesse sociologico.



Ho riconosciuto parecchie facce e riguardando le foto delle edizioni precedenti di diverso ci sono solo i bimbi e le bimbe cresciuti e i nuovi imperdibili gadgets: paciocchini/feto e piedini/spilla, tutto a due euro.











Lotta studentesca fronte
Per il resto, il solito schifo: preti convinti di avere il diritto di dire alle donne come gestire i propri corpi e le proprie vite, donne che non colgono la differenza tra le parole "subire" e "scegliere" e quindi pubblicizzano centri per "guarire" chi ha "subito l'aborto volontario", fascisti, medici e farmacisti obiettori (che però nascondono con cura il proprio nome scritto sul taschino del camice).
Lotta studentesca retro











Anche gli slogan sono stati sempre i soliti: l'aborto è omicidio, l'eutanasia pure, la fecondazione assistita è eugenetica, l'Europa è massonica perché ci sono "droga, aborto, eutanasia".







Ad essere sincera ho pochissima voglia di raccontare quello che ho visto sfilare per le strade della mia città, l'ho già fatto altre volte e, come detto, quest'anno non è stato poi tanto diverso dai precedenti.


Farmacisti cattolici





È stato disgustoso e violento come sempre, sono cambiati solo orario e percorso.

Però un episodio degno di nota c'è stato.
Me ne stavo tra lo schifato e l'incredulo sul ponte aspettando l'arrivo di Militia Christi, quando con la coda dell'occhio leggo "l'utero è mio e..."

Mi si è aperto il cuore!
Non sono sola!
Sono arrivate le compagne!
Hanno deciso di fare qualcosa, di non lasciarli sfilare impunemente!
Eccole, come a Castel San'Angelo nel 2012!

Non potete immaginare quello che ho pensato in quei pochissimi, intensissimi secondi.

E invece poi mi sono girata e ho letto bene il cartello.
Ecco, a quel punto non puoi che invocare l'asteroide.




Altre fotine QUI e QUI.

1 commento:

  1. Bel post.
    Come te, invochiamo l'asteroide. Anche se ci piacerebbe che fosse sufficiente un po' di informazione corretta, ed un briciolo di pensiero logico.

    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.