martedì 31 gennaio 2017

Basta mamma.

Davvero, basta.

Basta, per favore.
Io capisco che col dibattito sulla gestazione per altr* si stia giocando una partita pesantissima per molte, ma davvero, basta con la retorica sulla maternità. 
Perché è solo per attaccare la GPA che state tirando fuori tutto questo amore per la maternità, ne sono più che convinta.



Possibile che non riusciate a capire quanto sia violento il vostro continuo sottolineare come siano un utero e della prole a fare una donna?
Possibile che non vi sfiori l'idea che ribadire ogni giorno che quello che ci rende veramente donne è la nostra capacità di mettere al mondo qualcun* possa essere una stilettata nel petto di chi per i più svariati motivi non può farlo? 
Possibile che non vi interessi sapere che ci sono milioni di donne al mondo che non vogliono essere madri?

O forse, banalmente, non vi interessa e vi pare accettabile camminare sulle persone pur di dimostrare le vostre verità immutabili.


Capisco la vostra ansia davanti a un mondo che non è quello che ci hanno insegnato a scuola, capisco che abbiate paura e forse orrore di chi non vive come la vostra idea di "natura" vorrebbe, ma la vostra violenza non vi rende affatto diverse (sì, uso il femminile, perché siete voi donne a farmi male, quello che pensano gli uomini sapete che mi interessa ben poco) dalle varie Miriano o Meloni.

Non mi tocca più di tanto se Terragni scrive una delle sue tante sparate, ma quando sono donne che credevo compagne e sorelle a darle credito, allora sì, sto male. 
Chi è una donna? Una donna è una che può mettere al mondo un altro/a. Solo una donna può farlo. Ogni altro ragionamento
è invidia misogina
Non è la possibilità che ho di mettere al mondo qualcun* a rendermi una donna.
Le donne possono essere sterili, possono non avere l'utero, possono non essere nate femmine. Non è l'apparato riproduttivo funzionante che mi rende quella che sono.

E una donna sterile?
Una donna malata?
Una donna che non è nata femmina?
È tutta invidia misogina?

Basta con questa squallida mistica della maternità.
Non sembrate ormai nemmeno capaci di produrre un pensiero interessante, siete ferme alla donna come macchina da riproduzione, come ci volevano i fascisti.

Basta pensare che una donna possa dirsi realizzata e completa solo se madre.
Davvero, fatela finita, siete fuori dal mondo. 

3 commenti:

  1. hai sproloquoiato bene, niente da aggiungere e tutto da condividere.

    RispondiElimina
  2. capacità non è obbligo. Terragni ha le sue idee sulla gestazione per altri (anch'io ho delle perplessità sulla questione e non vorrei essere tacciato di essere un reazionario per questo anche perchè pur avendo delle perplessità non vieterei mai a nessuna donna adulta di fare quel che vuole col suo corpo anche metterlo a servizio di una coppia che vuole un figlio e può averlo solo in quel modo), ma Terragni non vede le donne come "macchine da riproduzione" nè pensa che una donna si realizzi solo se madre. C'è chi vuole figli e chi non ne vuole, va accettato serenamente

    RispondiElimina
  3. ........"Chi è una donna? Una donna è una che può mettere al mondo un altro/a. Solo una donna può farlo. Ogni altro ragionamento è invidia misogina".........

    Ehm...faccia sapere a Marina che senza il seme, una donna può mettere al mondo solo un grumo di sangue ogni 27/28 giorni. Ogni altro ragionamento è invidia misandrica"


    RispondiElimina

Sproloquia pure tu.